06 aprile 2020

Montebelluna

Nuovo cemento sulle “rive” di Montebelluna

Il professor Lucio De Bortoli, stimato storico montebellunese, denuncia e l’assedio del calcestruzzo alle “rive” di Santa Maria in Colle.

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

Nuovo cemento sulle “rive” di Montebelluna

MONTEBELLUNA - Uno dei luoghi più belli di Montebelluna è sicuramene Santa Maria in Colle, paesaggio mozzafiato, edifici storici di grande pregio (siti archeologici) e una natura in alcune zone ancora intatta ma a quanto pare queste peculiarità non hanno scongiurato nuove edificazioni. In questi giorni è stato aperto un cantiere e la cosa non è sfuggita allo storico cittadino, il professor Lucio De Bortoli che ha criticato questa nuova cementificazione.

“Il grande progetto della Carta Geomorfologica e Archeologica avrebbe dovuto segnare un radicale cambio di marcia rispetto al criterio del rinvenimento casuale prodotto da azioni private – scrive De Bortoli dalla sua seguitissima pagina Facebook “Montebelluna Storia e Territorio” -, ma si è fermato alla stesura di un’imponente pubblicazione di grande valore scientifico ma non socializzabile culturalmente. Si scava, si trova, ma la sensibilità e l’orgoglio municipale esibiti non si traducono in azioni culturali (forma mentis) e l’assedio del calcestruzzo alle “rive” di Santa Maria in Colle, che dovrebbero ormai essere intangibili (per ciò che ne è rimasto), continua ancora con esiti invedibili ed esiziali per la memoria dei luoghi”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×