28/05/2024pioggia e schiarite

29/05/2024parz nuvoloso

30/05/2024pioggia debole e schiarite

28 maggio 2024

Montebelluna

Nuovi successi per "Assmà", il docufilm di Dimitri Feltrin, il registra di Trevignano

Primo premio nella sezione “Social Problem Film” al Green Film Festival Italia di Roma e la selezione alla fase finale del Beausoleil Côte d'Azur International FICTS – Festival del Cinema Sportivo di Nizza (Francia).

| Margherita Zaniol |

| Margherita Zaniol |

TREVIGNANO - Nel giro di poche settimane il docufilm del registra trevigiano Dimitri Feltrin, “Assmà porta il velo, gioca a calcio” inanella, dunque, una serie di tre riconoscimenti in altrettanti festival di portata internazionale. Sabato 22 aprile si è svolta presso la Casa del Cinema di Roma la serata conclusiva dell’Italia Green Film Festival 2022, presentata dall’attore Roberto Ciufoli, che ha annunciato “Assmà” come film vincitore della sezione “Social Problem Film”. Ecco l’elenco dei fil premiati nelle varie categorie.

Proprio in questi giorni, inoltre, è giunta notizia della selezione del cortometraggio alla fase finale del Beausoleil Côte d'Azur International FICTS – Festival del Cinema Sportivo, che avrà luogo a Nizza (Costa Azzurra – Francia) dal 10 al 12 maggio 2022. L’evento – inserito nel “World FICTS Challenge”, Campionato Mondiale del Cinema e della Televisione sportiva – consisterà in una tre giorni di proiezioni, dibattiti e simposi per condividere i valori olimpici e diffondere l’importanza della pratica sportiva. “Assmà” è in lizza per la categoria Sport and Society. Infine, “Assmà” è tra i cinque film in nomination per la sezione “Best Women Inspired Film” al Pan African Youth Film & Art Festival di Lagos (Nigeria), che si svolgerà nel Metaverso tra il 14 e il 21 maggio 2022.

Grandi successi, dunque, per la storia di Assmà, la 19enne protagonista che, nata in Italia da genitori marocchini, ha scelto di indossare il velo islamico, pur conducendo una vita per nulla diversa da quella dei suoi coetanei di fede cristiana: lo dimostra il fatto che gioca a calcio a cinque con una squadra femminile. Quando Assmà scende in campo incarna tradizione e modernità, l’essere musulmana e l’essere italiana, europea, occidentale.

“Sono felice che una storia così semplice, ma allo stesso così rappresentativa, stia riscuotendo questo inaspettato successo. – dichiara il produttore e regista, Dimitri Feltrin - Trattandosi di una produzione realizzata con un budget molto ridotto, fa un grande piacere sapere che contenuti e stile di racconto possono far competere un piccolo film con delle grandi produzioni di caratura internazionale”. Il docufilm è stato realizzato grazie alla partnership con Sport4Society, il contributo di Banca Etica, Caritas Tarvisina, Fondazione Villa Benzi, Comune di Silea, Una mano per un sorriso - For children ONLUS, Coop. Soc. Una Casa Per l’Uomo, Fondazione Corti, Cosmo Cooperativa Sociale, e con il patrocinio, tra gli altri, di Amnesty International Italia.
 

 


| modificato il:

Margherita Zaniol

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×