09/12/2021pioggia

10/12/2021nuvoloso

11/12/2021sereno

09 dicembre 2021

Treviso

Nuovi poveri, sempre più richieste di aiuto alla Caritas di Treviso

Nel 2020 sono state 210 le persone che si sono rivolte per la prima volta al centro di ascolto diocesano

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

Caritas Tarvisina

TREVISO - Perdita del lavoro e riduzione del reddito con relativi problemi legati al pagamento delle bollette, dell’affido e la difficoltà di fare la spesa. Sono questi i problemi che, nell’anno della pandemia, hanno portato sempre più famiglie a chiedere aiuto alla Caritas Tarvisina.

I lavoratori precari e i lavoratori degli spettacoli viaggianti tra le categorie più colpite a causa della perdita del lavoro e del blocco delle attività da ben 14 mesi. Nel 2020 sono state 210 le persone che si sono rivolte per la prima volta al centro di ascolto diocesano (39 donne e 171 uomini). “Tanti di queste persone non avevano mai chiesto aiuto e spesso sono disorientati e non sanno a chi rivolgersi. Sono persone che arrivano dal settore turistico, alberghiero o dal settore degli spettacolo viaggianti che hanno perso il lavoro o sono bloccati da mesi”, spiega don Davide Schiavon direttore della Caritas Tarvisina presentando il bilancio sociale 2020.

In questo difficile 2020, tra lockdown e zone rosse, la Casa del Carità ha offerto i propri servizi ad un totale di 260. L’accoglienza notturna si è trasformata in una piccola comunità chiusa nel periodo di chiusura offrendo agli ospiti una casa dove stare anche durante il giorno. Anche i servizi doccia, mensa, lavanderia si sono adattati alle esigenze e alle normative, garantendo l’apertura tutti i giorni dell’anno, grazie ai volontari e ad un importante dispendio di risorse. I costi di pulizia sono infatti duplicati passando da 17mila del 2019 a 38mila nel 2020. Raddoppiate anche gli interventi di solidarietà alimentari, bollette e affitti.

Nonostante le difficoltà dell’ultimo anno, non si è fermata la solidarietà con un forte aumento delle donazioni alla Caritas tarvisina da parte di persone e enti. Oltre 446mila euro le offerte ricevuto dalla Caritas e 27mila euro il valore delle donazioni di beni materiali. Senza dimenticare il volontariato, una risorsa fondamentale che ha permesso ai senza fissa dimora di trovare sempre un posto letto e un pasto caldo.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×