04/12/2021nubi sparse

05/12/2021pioggia debole e schiarite

06/12/2021sereno

04 dicembre 2021

Mogliano

Nuova vita per il fiume Zero: liberate 11mila e 500 tra carpe e tinche

I pesci provengono da un allevamento del veronese e sono destinati a ripopolare le acque di risorgiva del fiume Zero

| Manuel Trevisan |

immagine dell'autore

| Manuel Trevisan |

Ripopolato il fiume Zero:

MOGLIANO VENETONuova vita per il fiume Zero: nel week-end appena trascorso sono stati liberati 11mila e 500 pesci, che si sono subito ambientati nel loro nuovo habitat.

Sabato 23 ottobre, infatti, il sindaco Davide Bortolato e l’Assessore alla Sicurezza Marco Donadel, insieme alle guardie giurate volontarie ittiche guidate dal presidente Tommaso Cappuccio del Comitato Provinciale Fipsas (Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee) di Treviso hanno “seminato” ben 7.500 carpe e 4mila tinche nel fiume Zero. Presente anche l’associazione affiliata Fipsas “Amici dello Zero” con il suo presidente Ruggero Ferrarini.

Il progetto, portato avanti da Fipsas in diversi fiumi del territorio, gestiti in concessione, è appoggiato dall’amministrazione comunale moglianese che nel 2020 ha siglato una convenzione con la federazione. La sua costante, diffusa e preziosa attività, oltre che diretta al controllo del corretto esercizio della pesca, è andata sempre più qualificandosi intervenendo negli atti di gestione delle acque, come i ripopolamenti e il recupero della fauna ittica a rischio sopravvivenza, concorrendo, così, in modo sostanziale, alla sua tutela ed incremento.

“I pesci provengono da un allevamento del veronese e sono destinati a ripopolare le acque di risorgiva del fiume Zero - commenta il sindaco Davide Bortolato - Colgo l’occasione per ringraziare le guardie giurate volontarie ittiche di Treviso per il prezioso impegno verso l’ambiente e la sua salvaguardia e l’associazione Amici dello Zero affiliata Fipsas che, con il presidente Ruggero Ferrarini, si occupa della cura e del monitoraggio del nostro fiume”.

Da anni il presidio del territorio delle guardie giurate volontarie ittiche di Fipsas porta risultati continui che migliorano lo stesso territorio e l’ambiente. La Federazione è presente su scala nazionale con circa mille guardie giurate particolari ittiche (g.g.p.i.) che, in molti casi, hanno competenza anche in ordine alla tutela e salvaguardia del patrimonio naturale di flora e fauna, con particolare riferimento a quello circostante gli ambienti acquatici.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Manuel Trevisan

Leggi altre notizie di Mogliano
Leggi altre notizie di Mogliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×