04/12/2021nubi sparse

05/12/2021pioggia debole e schiarite

06/12/2021sereno

04 dicembre 2021

Treviso

Non vaccinato il 12% degli autisti della Mom. E per il green pass ricorrono all'avvocato

Caustico il presidente della MOM, Giacomo Colladon: "Saranno gli stessi che usufruiscono di legge 104, permessi parentali, malattia"

| Roberto Grigoletto |

immagine dell'autore

| Roberto Grigoletto |

Mom, azienda di trasporto marca trevigiana

TREVISO - L’obbligatorietà del green pass per imprese e aziende alla scadenza - confermata e irrevocabile dal Governo - di venerdì prossimo 15 ottobre, sta creando da un lato preoccupazioni in chi teme di fare in tempo a mettersi in regola, mentre altri si sono già rivolti agli avvocati per aggirare l’”ostacolo”. Come - a quanto è trapelato - pare abbiano fatto alcuni autisti della Mom. Una ditta, quella del trasporto pubblico, che deve misurarsi certamente con problematiche molto diverse da quelle proprie di una azienda industriale o manifatturiera.

Abbiamo incontrato il presidente di “Mobilità di Marca” Giacomo Colladon per capire com’è nei fatti, a una settimana dal "D-day", la situazione. “Abbiamo venti depositi esterni in tutta la provincia di Treviso da sommare ai quattordici servizi scolastici: trentaquattro punti nei quali dobbiamo trovare la soluzione ai problemi di sicurezza”.

E come pensate di fare?

È appena stato pubblicato il decreto legge 139 che consente alle aziende di conoscere in anticipo i nomi dei propri dipendenti provvisti o meno di green pass. Questo per ovviare ai comprensibili problemi organizzativi.

Lei sa quindi già tutto? È vero che molti autisti non sono vaccinati?

Io ho chiesto a tutti i dipendenti se dispongono del certificato verde.

E…

E un dodici per cento di autisti è privo di green pass.

Non è una percentuale affatto irrisoria...

Al momento però ci restituisce anche una informazione inutile perché non so se il 15 ottobre prossimo questi dipendenti ad esempio si presenteranno con il tampone.

Un bel problema

Le problematiche sono di vario tipo. In ogni caso, essendo in possesso adesso dei nominativi cercheremo di parare il colpo.

Come?

Provvederemo a organizzare comunque i servizi: gli scuolabus per i bambini saranno garantiti, per le scuole elementari prima di tutto.

E per il resto del servizio?

Può darsi che qualche corsa venga a mancare, questo sì, perché non abbiamo la possibilità di disporre di trenta o quaranta autisti di supporto. Ho bloccato le ferie ma purtroppo i “furbi” non mancano.

I furbetti anche nella Mom?

Dobbiamo fare i conti con legge 104, permessi parentali, malattia. Magari quelli che vi ricorrono sono gli stessi che si sono rivolti all’avvocato. Noi comunque faremo il possibile per garantire al meglio il servizio. Se qualche corsa salterà però sapremo con esattezza di chi sarà la responsabilità.

Degli autisti no green pass?

Quando una persona è assunta nel servizio pubblico sa benissimo che i trasporti insieme alla sanità sono servizi essenziali per il sistema Paese. Se si pensa di mettere in difficoltà l’azienda Mom in realtà si creano disagi alla utenza che alla fine è quella che paga il biglietto.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Grigoletto

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×