19 ottobre 2020

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Via il nome "Prosecco" dalle bottiglie Docg? I produttori bocciano l'istanza della Confraternita

L’incognita de numeri non forniti: non è dato sapere quanti sono i favorevoli e quanti i contrari

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

Confraternita di Valdobbiadene

VALDOBBIADENE – Un diplomatico comunicato della Confraternita di Valdobbiadene comunica che l’istanza consultiva "Per la tutela della denominazione Conegliano Valdobbiadene Docg", indetta lo scorso settembre non ha ottenuto la maggioranza dei consensi. Bocciata quindi l’ipotesi di cancellare il nome “Prosecco” dalla bottiglie Docg. I 2640 soggetti appartenenti alla filiera produttiva della denominazione Conegliano Valdobbiadene Docg hanno quindi respinto l’ipotesi ma non è dato sapere quali siano i valori numerici della consultazione sia in termini di favorevoli e contrari che dal punto di vista della quantità di risposte pervenute.

“L'istanza in oggetto, pur non avendo raggiunto la maggioranza dei consensi, ha evidenziato un risultato di spessore importante. Riscontri positivi sono giunti da significative aziende sia spumantistiche che vitivinicole, da viticoltori, da associazioni e da amministratori locali – precisa in una nota la Confraternita -. Pertanto la Confraternita di Valdobbiadene si auspica che una risposta così larga non venga comunque disattesa e che il confronto con le istituzioni già avviato possa continuare, per raggiungere un accordo programmatico di effettiva e coerente tutela territoriale, in contrapposizione alle regole dettate da meri opportunismi e nel rispetto di chi ha sentito la necessità urgente di porre ordine alla situazione attuale”.

Questi i cinque punti dell’istanza per i quali la Confraternita ha deciso di chiedere il consenso di produttori: “1 Che il territorio della denominazione "Conegliano Valdobbiadene docg" sia definito da confini ben delineati, non sovrapposto ad altri territori o altre denominazioni, fatta eccezione per la denominazione "Colli di Conegliano". La denominazione "Conegliano Valdobbiadene docg", inoltre, deve essere autonoma e non parte del sistema Prosecco. 2 Che la denominazione "Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore docg" sia modificata in "Conegliano Valdobbiadene docg", senza nessun riferimento alla denominazione Prosecco. 3 Che la futura denominazione "Conegliano Valdobbiadene docg" possa essere indicata in etichetta "Conegliano Valdobbiadene docg" oppure solo "Valdobbiadene docg". 4 Che la denominazione "Valdobbiadene Superiore di Cartizze docg" sia modificata in "Valdobbiadene Cartizze docg", senza nessun riferimento alla denominazione Prosecco. 5 Che il Consiglio di amministrazione del Consorzio di tutela Conegliano Valdobbiadene docg, sia composto esclusivamente da soggetti che rappresentino aziende aventi interessi, produttivi e commerciali, rivolti prioritariamente alla denominazione "Conegliano Valdobbiadene docg", minimo al 51%, condizione fondamentale per escludere possibili conflitti d'interesse”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa
Direttore responsabile

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×