05 giugno 2020

Treviso

Scuole fuorilegge?

A pochi giorni dal suono della campanella, arriva una notizia-bomba

| admin | commenti |

immagine dell'autore

| admin | commenti |



Berlusconi aveva chiuso un occhio. Fioroni no. Non ci sta. Anche perché la questione è una bomba a tempo. Destinata, prima o poi, a fare un gran chiasso. Metà delle scuole italiane (di quelle che apriranno i battenti lunedì prossimo) nell'anno scolastico 2006/2007 saranno al di fuori delle norme di legge, perché mancano dei requisiti di sicurezza indispensabili nei luoghi di lavoro. Cosa significa? Che oltre 20 mila edifici scolastici non hanno porte antipanico, o scale antincendio, o il certificato di idoneità statica…Traballanti sulla carta, ma anche sulle fondamenta, le scuole pubbliche fino allo scorso anno avevano goduto di una proroga (iterata di anno in anno da Berlusconi) per mettersi a norma. Nell’era del governo Prodi, la proroga non è stata rinnovata e quindi le scuole dovrebbero mettersi in regola immediatamente. Qual è il problema? I soldi. L’intervento di messa in sicurezza delle scuole che non hanno i requisiti necessari costa complessivamente 4 miliardi di euro. Che dovrebbero essere sborsati da comuni, province e regioni a cui spetta la cura degli edifici. Ma nelle casse degli enti pubblici, questi soldi ci sono?

 



foto dell'autore

admin
inserire qui una descrizione del giornalista

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×