25/04/2024parz nuvoloso

26/04/2024nubi sparse

27/04/2024nubi sparse

25 aprile 2024

Ambiente

Coripet, deliberato l'aumento del Contributo di Riciclo.

| AdnKronos |

| AdnKronos |

Coripet, deliberato l'aumento del Contributo di Riciclo.

Roma, 29 nov. (Adnkronos) - Nella seduta dello scorso 24 ottobre, il Consiglio di Amministrazione di Coripet ha deliberato l’adeguamento del Crc, l’importo che i produttori consorziati e i converter pagano come contributo per l’avvio a riciclo delle bottiglie in Pet post consumo. “Abbassare o diminuire un contributo ambientale è una scelta che fa parte della vita stessa di un consorzio Epr - afferma Corrado Dentis, presidente Coripet - L’aumento del Crc è necessario per pareggiare l’inevitabile deficit di catena nell’erogazione del servizio di gestione del fine vita degli imballaggi”.

Come è noto - spiega Coripet in una nota - i costi per il servizio di gestione del fine vita degli imballaggi immessi sul mercato fanno capo a queste categorie che sono chiamate ad assolvere gli obblighi di Epr (Extended Producer Responsibility). "Il valore per il 2024 è rivisto al rialzo per la prima volta dopo un lungo periodo di ribassi, reso possibile grazie al brillante ma insolito andamento delle aste del Pet - osserva Coripet - Ora che tale valore è tornato a livelli consueti, si è reso necessario il riadeguamento della tariffa. L’attuale scenario di riferimento ha richiesto un aggiustamento del Crc, che sale così, a partire dal prossimo 1 gennaio 2024, da 16 euro a 183 euro per tonnellata, numero in linea con i valori storici del contributo ambientale prima della comparsa di Coripet nella filiera".

In questo periodo Coripet ha potuto lavorare sull’efficientamento del sistema e l’implementazione della rete degli ecocompattatori (oltre 1.000 su scala nazionale) che garantisce ai soci Coripet rPet da filiera chiusa e quindi idoneo al diretto contatto alimentare. A meno di due anni dagli obiettivi europei, la sfida dei prossimi mesi sarà sempre più l’efficientamento del sistema delle raccolte selettive e tradizionali, che possono, con economie di scala e innovazioni tecnologiche, migliorare sia la resa negli impianti di selezione sia la sensibilizzazione dei cittadini senza i quali gli obiettivi di raccolta al 77% di bottiglie in Pet immesse al consumo sul territorio non saranno raggiungibili.

 



AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×