29/02/2024pioggia debole

01/03/2024pioggia

02/03/2024pioviggine

29 febbraio 2024

Treviso

La Cardiologia di Treviso tra i dieci migliori centri in Italia

Nel 2022 ha eseguito 248 interventi per la cura mininvasiva della stenosi aortica “Tavi”

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

sala operatoria

TREVISO - La cardiologia di Treviso tra i dieci migliori centri in Italia per la cura mininvasiva della stenosi aortica “Tavi”, la patologia valvolare su base degenerativa nei pazienti over75 più frequente nei Paese occidentali. La stenosi aortica su base degenerativa nei pazienti over 75 è la patologia valvolare più frequente nei Paesi Occidentali: da diversi anni la procedura di Tavi per la cura della stenosi aortica nei pazienti con oltre 75 anni si svolge con l’inserimento della valvola aortica attraverso un’arteria della gamba e posizionamento della valvola nuova senza necessità di intervento cardiochirurgico. Durante l’intervento il paziente è sveglio come per le altre procedure che si svolgono nelle sale di Emodinamica interventistica della Cardiologia di Treviso e Castelfranco Veneto. L’équipe di Cardiologia dell’ospedale Ca’ Foncello, guidata dal dottor Carlo Cernetti, già nel 2021 rientrava tra i 10 migliori centri in Italia per la procedura Tavi con 209 interventi eseguiti. Nel 2022 ha scalato la classifica diventando il settimo centro In Italia, prima in Veneto a pari merito con la Cardiologia Interventistica di Padova, con 248 interventi di Tavi eseguiti.

Questo importante riconoscimento è arrivato la settimana scorsa durante la presentazione al Ministero della Salute a Roma dei dati di attività del 2022 dei centri di cardiologia interventistica in Italia, presentati dalla Società Italiana di Cardiologia Interventistica GISE. Un risultato, quello ottenuto dall’équipe del primario Cernetti che si inserisce in un’attività ben più ampia: le Cardiologie interventistiche di Treviso e Castelfranco Veneto hanno infatti eseguito, lo scorso anno, oltre 1600 interventi di angioplastica coronarica con applicazione di stent, collocandosi tra i centri con più elevato volume di tutta Italia. 

“Nelle due Emodinamiche di Treviso e Castelfranco Veneto - ricorda il dottor Cernetti - vengono eseguiti interventi per  la correzione della valvola mitralica e tricuspidalica per via endovascolare, per la correzione dei difetti del setto interatriale e della pervietà del forame ovale e per la correzione della circolazione periferica e carotidea, tutti in collaborazione con la Cardiochirurgia diretta dal dr Giuseppe Minniti, la Chirurgia Vascolare diretta dal dr Edoardo Galeazzi e la Neurochirurgia diretta dal dr Giuseppe Canova. Questa enorme mole di lavoro, oltre 5000 interventi, è resa possibile grazie all'impegno degli operatori delle Emodinamiche e delle Cardiologie di Treviso e Castelfranco Veneto.  Questi interventi molto complessi, resi oggi possibili con una mortalità molto bassa, vengono pianificati e discussi con i cardiologi, gli anestesisti e i cardiochirurghi che compongono l'Heart Team che sono in grado di identificare il percorso migliore di cura per trattare patologie così complesse e renderle accessibili anche per pazienti molto anziani”. 

“All’équipe di Cardiologia di Treviso va il mio plauso per l’obiettivo raggiunto e un sentito ringraziamento per quanto hanno fatto e stanno facendo, in una logica di presa in cura ottimale del paziente e di collaborazione tra Unità Operative”, il commento del direttore generale, Francesco Benazzi. 


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×