CLAI, il brand che da 60 anni punta su persone, genuinità e qualità

A Treviso la cena stellata organizzata per gli operatori commerciali che rende ancora più capillare la presenza della Food Company imolese sul territorio Veneto

|

commenti |

Clai è dal 1962 protagonista nella produzione di salumi artigianali di alto profilo e si è sempre contraddistinta per la singolare composizione dei soci, costituita da soci allevatori e dai soci lavoratori inseriti in vari ruoli nell’impresa. Un esempio di gestione partecipata, che permette di valorizzare al meglio i prodotti grazie a una lavorazione artigianale di alto profilo. Artigianalità fatta con mestiere e passione, per offrire in ogni parte d’Italia prodotti di salumeria garantiti dalla cura e dal rispetto delle tante tradizioni che rendono speciale tutto il buono del nostro Paese. Le tappe più rilevanti di una storia lunga 60 anni ci sono senz’altro anche le acquisizioni dei marchi Zuarina e Faggiola. Per quanto riguarda il primo, si tratta dello storico prosciuttificio di Langhirano che produce un Prosciutto Crudo di Parma famoso nelle location più prestigiose di tutto il mondo. Una storia, quella di Zuarina, che nasce nel lontano 1860 ed è stata costruita mattone dopo mattone procedendo sempre su un percorso fatto di qualità, tempo e passione. La serata è stata ospitata nella splendida cornice del Relais Monaco di Ponzano, ed ha avuto inizio assaporando le eccellenze Clai in purezza e ammirando l’arte nel taglio al coltello del crudo bio il tutto raccontato con passione vera tutta Emiliana.


Una volta a tavola abbiamo potuto assaggiare i piatti proposti dallo Chef Max Mascia del Ristorante San Domenico di Imola (due stelle Michelin), che oltre al prestigio che gli deriva dal condurre un ristorante “tempio” dell’enogastronomia italiana conosce i prodotti di Clai profondamente e li ha inseriti all’interno dei piatti proposti, valorizzandoli al meglio. A tavola ci è stata servito una selezione dei prodotti Clai che racchiudevano le più importanti tradizioni regionali Italiane. Ecco che al fianco della incredibile Culatta Zuarina, che da sola vi entusiasmerà per consistenza, aroma, morbidezza e dolcezza, trovava spazio un salame Contadino dalla macinatura artigianale, una sopressa Veneta ponte ideale tra le nostre due regioni, che hanno tanto in comune, come più volte ha ricordato il Direttore di Clai si finiva con un salame Ungherese di lunga stagionatura, dall’aroma bilanciatissimo, sapido il giusto e dalla finissima macinatura. Stupendo. Per finire la caciotta Toscana Faggiola, cremosa dal profumo di latte, che dire se non se …ne potrei avere ancora? Infatti, dovete sapere che è recentemente entrata a far parte di Clai una storica cooperativa di Palazzuolo sul Senio. Permettendo così di mantenere vive tradizioni e produzioni casearie tipiche dell’Appenino Tosco Romagnolo. Sono formaggi rigorosamente artigianali, lavorati ancora oggi a mano, uno a uno, da maestri casari che custodiscono la sapienza della tradizione contadina di 60 anni fa, valorizzata dalla ricerca dell’innovazione continua e dalla sicurezza di una qualità certificata.


Si è passati quindi con molto interesse alle proposte dello Chef Mascia che cresciuto all’interno del San Domenico ha passato un lungo periodo alla corte di Alain Ducasse, uno chef che le materie prime le conosce profondamente, soprattutto quelle Italiane. Il primo piatto erano dei tortellini serviti su di una crema di piselli julienne di salame Bellafesta e coriandoli di caciotta Toscana. Piatto stupendo per tecnica accostamento di sapori e consistenze, il tortellino aveva un ripieno perfettamente equilibrato e il plus è stato poter ascoltare i manager dell’azienda dialogare sullo spessore della pasta del tortellino e su quale formaggio fosse il più adatto per il ripieno. Seguiva poi una guancia di maialino brasata un soffice di patate con del prosciutto di Parma Zuarina che con la sua persistenza aromatica dovuta ad una rosolatura importante donava un’aroma particolare al piatto. Un piatto che ti permetteva ancora una volta di evidenziare la grande qualità delle carni lavorate da Clai. Zuarina è stato uno dei primi marchi italiani a caratterizzare la propria proposta in termini BIO, integrando alla perfezione gusto e salute, sicurezza e qualità, eticità e sostenibilità. Il Prosciutto Crudo di Parma BIO proviene da allevamenti biologici in cui i controlli, l’alimentazione e gli ambienti sono accuratamente definiti per assicurare agli animali una crescita naturale, nel rispetto delle rigide norme italiane ed europee di produzione biologica. Concludeva il tutto il dolce Emiliano per eccellenza: la zuppa Inglese opulenta come solo la corte dei Farnese poteva essere, Una grande esperienza. E’ stata una serata diversa dalla solita presentazione celebrativa di un’azienda; è stata un tributo, alla genuinità e alla passione, al lavoro delle persone. Questi sono i valori che come consumatori ricerchiamo e ci garantiscono soprattutto in questo periodo. Parlando con il Direttore mi ha detto che loro come azienda sono sempre disponibili e felici di accompagnare le persone a visitare l’azienda tutti i giorni compresa la domenica e vi dirò la verità io ne approfitterò senz’altro. Credetemi la passione che ho colto nel loro racconto dei prodotti e del rispetto della materia prima così evidente nella scelta della tecniche di lavorazione e di stagionatura/affinamento è di livello superiore. Al primo assaggio vi conquisterà e andrete a ricercare i prodotti Clai nella GDO e nel canale Horeca.Io lo farò!

 

 

In collaborazione con:

Con il supporto di:

Scrivi a Treviso a Tavola:

Scrivi alla Redazione Segnala un Evento

Grazie per averci inviato la tua notizia

×