27/09/2022nubi sparse e temporali

28/09/2022pioggia debole

29/09/2022nubi sparse e rovesci

27 settembre 2022

Ambiente

Riciclo Bottle to Bottle, "raccolta selettiva Pet fattore chiave".

| AdnKronos |

| AdnKronos |

Riciclo Bottle to Bottle,

Roma, 23 giu. (Adnkronos) - La raccolta selettiva delle bottiglie in Pet fattore vincente per il raggiungimento degli obiettivi della direttiva Sup-Single Use Plastics. Questi i temi al centro dell'intervento di Coripet, consorzio volontario senza fini di lucro tra produttori, converter e riciclatori di bottiglie in Pet, all’evento nazionale Missione Italia - Pnrr Comuni&Città, organizzato dall’Anci a Roma.

La direttiva europea Sup definisce un nuovo modello e lo fa partendo dalle bottiglie in Pet, che a partire dal 2025 dovranno contenere almeno il 25% di Pet riciclato, quota che salirà al 30% entro il 2030. Per raggiungere questi numeri, la direttiva stessa alza l’asticella in materia di raccolta differenziata per il riciclaggio, che deve raggiungere il 77% entro il 2025 e il 90% entro il 2029. “In questo quadro, le raccolte selettive, e i processi di riciclo a ciclo chiuso, come il bottle to bottle - commenta Corrado Dentis, presidente Coripet - rappresentano l’elemento chiave per il raggiungimento degli obiettivi che la direttiva pone”.

Coripet sottolinea così l’importanza delle raccolte selettive, in grado di aumentare gli attuali tassi di raccolta, ottenere un materiale riciclato di qualità e garantire la sicurezza alimentare del prodotto riciclato. Secondo il consorzio, un ruolo chiave in materia di riciclo selettivo viene giocato dalla tecnologia, che deve garantire la piena tracciabilità, ossia essere in grado di riconoscere e accettare solo bottiglie idonee al contatto alimentare.

Quanto al supporto che Coripet fornisce ai Comuni sul bottle to bottle, si ricorda: il riconoscimento economico per i Comuni che attivino direttamente il flusso selettivo (429,53 €/t di corrispettivo riconosciuto da Coripet, art. 8.1 accordo Anci/Coripet); l'installazione e gestione diretta di eco-compattatori da parte di Coripet, senza costi per i Comuni e con dati sui quantitativi raccolti comunicati ai Comuni stessi e da questi conteggiabili nei propri obiettivi (art. 8.2 accordo Anci/Coripet); il supporto tecnico ai Comuni per la scelta delle macchine da acquistare ai fini dell’accesso dei Comuni agli incentivi previsti dal decreto Mite 'Mangiaplastica'.

 



AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×