07/10/2022sereno

08/10/2022poco nuvoloso

09/10/2022nubi sparse

07 ottobre 2022

Treviso

Treviso, allarme pirati dei bonus edilizi: "Vanno fermati regolamentando l’accesso alla professione"

Frare Cna: "Ad oggi non c’è un patentino per esercitare la professione di edile, chiunque può improvvisarsi e truffare lo Stato"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

bonus edilizia

TREVISO – Aprono conti correnti e partite iva in tempi record, si iscrivono alla Camera di Commercio e, pur avendo scarsa dimestichezza con il mondo dell’edilizia, si occupano di ristrutturazioni di case e palazzi per ottenere la cessione del credito d’imposta. Sono i “pirati dei bonus edilizi”, che hanno colpito anche in provincia di Treviso, molti dei quali smascherati dai funzionari delle poste di Treviso che hanno segnalato anomalie e movimenti sospetti, bloccando i conti. Un vero e proprio assalto che ora preoccupa.

“Per evitare il fenomeno “pirati dei bonus edilizi” e salvaguardare lavoratori e clienti, bisogna regolamentare l’accesso alla professione edile”. Ne è convinta la Cna, che chiede alle istituzioni di regolamentare l’accesso al mestiere dell’edile, dal momento anche che gli altri mestieri del comparto casa, ad esempio l’impiantista, sono super regolamentati. Questo significa anche che la professionalità e l’esperienza delle ditte che operano da anni e decenni nel settore debba poter essere riconosciuta.  

“Per tutti i settori è richiesta l’abilitazione professionale, compresi i servizi alla persona come parrucchieri o estetisti, per non parlare del settore impianti, invece per costruire un edificio a efficienza energetica non è richiesto nulla – afferma Luca Frare, presidente di Cna territoriale di Treviso -.  Ad oggi non c’è un patentino per poter esercitare la professione di edile, non un esame, non una qualifica. Chiunque può improvvisarsi tale e aprire una partita iva. Eppure è grande la responsabilità che hanno gli imprenditori che costruiscono le case in cui vivono le persone”. Il paradosso è che in uno stesso cantiere lavorano persone e ditte super certificate, e altre che, per fare quello che fanno, hanno dovuto solo aprire la partita iva in Camera di Commercio.

Cna è da anni impegnata su questo fronte e ha intensificato il pressing con l’entrata in vigore dei bonus che ha reso evidente il problema: chiunque può aprire una partita Iva come edile e magari truffare lo Stato, come raccontano i recenti fatti di cronaca. “Ringraziamo la funzionaria di Poste Italiane che si è accorta della truffa delle false società aperte ad arte per drenare i soldi dei bonus – continua il presidente Frare -. Il problema va risolto a monte, regolamentando l’accesso al mestiere. Tale “barriera” all’accesso, che hanno moltissimi altri mestieri e quasi tutte le professioni, va nella direzione di salvaguardare le ditte serie e la salute di un intero comparto”. Per Cna questa è la strada per mettere ordine in un settore come quello dell’edilizia.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×