06/10/2022parz nuvoloso

07/10/2022poco nuvoloso

08/10/2022poco nuvoloso

06 ottobre 2022

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Un itinerario Unesco nei territori del Prosecco

Protocollo tra provincia e 9 Comuni. Percorsi tabellati grazie a 200.000 euro del GAL Altamarca

|

|

Un itinerario Unesco nei territori del Prosecco

PIEVE DI SOLIGO - Oggi, lunedì 7 febbraio, nella Sala Consiglio del Sant'Artemio la firma del protocollo d'intesa per il progetto di qualificazione dell'itinerario nell'area del sito Unesco delle Colline del Prosecco tra la Provincia di Treviso, quale ente capofila, e i nove comuni del Gal dell'Alta Marca, Farra di Soligo, Follina, Miane, Pieve di Soligo, Refrontolo, Sernaglia della Battaglia, Segusino, Valdobbiadene e Vidor. Il progetto nasce per contribuire allo sviluppo e alla valorizzazione del territorio delle Colline del Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene in ottica di promozione del turismo sostenibile e culturale, in quanto area inserita nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'Unesco.

 

Il GAL Altamarca ha assegnato al progetto 200.000 euro che saranno gestiti dalla Provincia e dai Comuni. Sono intervenuti Stefano Marcon, presidente della Provincia di Treviso, Giuseppe Carlet, presidente del GAL Altamarca, Roberto Fava, consigliere provinciale delegato al Turismo, Giuliano Vantaggi, direttore dell’Associazione per il Patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene. Erano presenti inoltre i sindaci o i delegati dei Comuni di Farra di Soligo, Follina, Miane, Pieve di Soligo, Refrontolo, Sernaglia della Battaglia, Segusino, Valdobbiadene e Vidor e il direttore del GAL Michele Genovese. In particolare, l'obiettivo è quello di agevolare le visite dei turisti migliorando la fruibilità del territorio, attraverso l'utilizzo di una segnaletica semplice e uniforme, operazioni di messa in sicurezza, la realizzazione di piccole infrastrutture panoramiche e aree di sosta. Tutte gli interventi previsti dal progetto hanno caratteristiche di pubblico interesse, utilità generale, sociale, ambientale e culturale e sono finalizzati a diffondere un vantaggio generale, sia sulla popolazione residente sia sulle presenze turistiche. Il protocollo d'intesa tra la Provincia di Treviso e i nove Comuni per la realizzazione di questo progetto segue l'approvazione di un atto integrativo del Cda del Gal, che per le attività di qualificazione dell'area delle Colline del Prosecco mette a disposizione degli Enti un contributo di 200.000 euro.

 

La Provincia di Treviso, che ricopre il ruolo di Ente capofila, ha il compito di affidare l'incarico per l'elaborazione del progetto da candidare al bando del Gal dell'Alta Marca tramite la stazione appaltante, coordinare la progettazione, l’affidamento e la direzione dei lavori, oltre che le attività intercomunali insieme all'Associazione per il patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene. I Comuni sono chiamati a partecipare alla definizione degli interventi da attuare con i propri tecnici, a nominare un referente per ciascun Comune a cui affidare sia le comunicazioni con la Provincia sia le attività amministrative di competenza comunale, e soprattutto a svolgere tutte le attività necessarie per la conformità urbanistica delle opere. “Siamo orgogliosi di poter fare da capofila di questo progetto, mettendo in campo la nostra stazione appaltante e coordinando i Comuni come è nel nostro ruolo – ha detto Marcon – Al centro dell'iniziativa c'è una progettualità forte che farà crescere ancora di più il nostro territorio e le sue potenzialità. Dalla riqualificazione trarremo due vantaggi: uno diretto, ovvero l'aumento dei turisti, e uno indiretto, determinato dal passaparola positivo dei visitatori che verranno a trovarci anche al di fuori della Marca”.

 

“Con la riqualificazione l'obiettivo del Gal, insieme alla Provincia e ai Comuni dell'area Unesco – ha detto Carlet, presidente Gal Altamarca - è quello di valorizzare un territorio che è sia agricolo sia turistico: due caratteristiche profondamente legate tra loro, in quanto il turista fruisce dei prodotti riconosciuti a livello europeo e frutto del lavoro dei nostri agricoltori”. “Le attività su cui saremo impegnati – ha proseguito Genovese - riguardano principalmente la messa in sicurezza dell'area, micro interventi infrastrutturali e la predisposizione di una cartellonistica coordinata, che agevoli i visitatori” “Le opere di qualificazione previste nei percorsi-itinerari individuati – ha detto Vantaggi – rispondono a un interesse pubblico e di utilità generale, con lo scopo di favorire sia i residenti sia i visitatori”. “Il territorio delle Colline del Prosecco è un'area di eccellenza – ha detto Fava – e sono orgoglioso di iniziare la mia delega con un progetto di questa portata”. OT

 



Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

immagine della news

09/05/2022

Passeggiate sulle colline e nei luoghi dell'Unesco

Al via la seconda edizione di “Passeggiando nell'Unesco”, manifestazione organizzata da Associazione culturale IdeAzione e promossa da ConeglianoInCima, Contrada Granda, La Chiave di Sophia, CAI Conegliano

immagine della news

21/11/2021

Le colline del Prosecco diventano un (eco)museo

E’ stato presentato al Cirve di Conegliano il progetto “Ecomuseo delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene”, realizzato da un gruppo di giovani del corso Contamination Lab Veneto (C_Lab) dell'Università degli Studi di Padova

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×