23/05/2022pioggia e schiarite

24/05/2022possibili temporali

25/05/2022pioggia debole e schiarite

23 maggio 2022

Treviso

"Siamo lo Zero da cui ripartire": studenti inascoltati scendono in piazza

La mobilitazione nella Marca dalla Rete degli studenti: "Una politica vuota di piani a lungo termine, è una politica insostenibile"

| Roberto Grigoletto |

immagine dell'autore

| Roberto Grigoletto |

Rete studenti medi in piazza a Treviso

TREVISO - Sono tornati in piazza gli studenti. Per ripartire: da zero. "Siamo lo Zero da cui ripartire, il futuro è nostro". Questo lo slogan scelto dalla Rete degli studenti medi che anche a Treviso ha animato la manifestazione ieri in Piazza Santa Maria dei battuti. Dove - hanno assicurato gli organizzatori - hanno inteso portare simbolicamente lo Zero, ossia la scarsa considerazione che Governo, Regione e politica ha avuto nei confronti delle giovani generazioni. Per rivendicare invece: investimenti sul diritto allo studio, un piano strutturale sull'edilizia scolastica e interventi sul caro libri. In piazza anche per chiedere che si riconosca il problema della salute mentale e che si investa sullo psicologo scolastico e su quello di base.

"Anche gli studenti di Treviso si sono mobilitati per la prima piazza studentesca da inizio pandemia" - ha spiegato Davide Gasparello, coordinatore della Rete degli Studenti Medi di Treviso "Questo è il segnale che esistono dei problemi e che le studentesse e gli studenti ne sono consapevoli e vogliono risolverli. Siamo stati considerati Zero dalla politica, oggi vogliamo essere quello Zero da cui ripartire. La mobilitazione di oggi è solo un primo passo, non ci fermeremo e insieme a tutto il mondo della scuola costruiremo una mobilitazione continua. Vogliamo un futuro in cui crescere, studiare e lavorare senza sfruttamenti".

Ma c’è un’altra richiesta, altrettanto urgente, che gli studenti della Rete avanzano: l’ascolto. Quello che aziende, amministrazioni locali e Regione continuano a dar prova di non avere. "Una politica vuota di piani a lungo termine per le generazioni future è una politica insostenibile - è stato l’affondo di Camilla Guarniero, sempre della Rete degli Studenti Medi di Treviso - solo interfacciandosi con gli studenti si riesce a costruire spazi e modi per riformare dalle radici il sistema scuola e le nostre città"

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Grigoletto

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

03/04/2022

BUONA DOMENICA Quando il modo ancor ci offende

I docenti no vax sono rientrati in servizio ma non per svolgere il proprio lavoro. Un precedente preoccupante ma soprattutto un messaggio diseducativo se passa l'idea che "vince il più furbo".

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×