18 giugno 2021

Castelfranco

Pedemontana, i sindaci: "Preoccupa l'impatto sulla viabilità dei nostri centri"

Guidolin, sindaco di Riese:"Timori per il casello verso Altivole e il traffico lungo la provinciale 667 che si riverserà su Vallà"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

Pedemontana Veneta

RIESE PIO X- I primi di maggio il taglio del nastro e l’apertura ufficiale del tratto di Pedemontana Veneta che da Bassano arriva fino a Montebelluna, passando per il territorio trevigiano.

Se da un lato la superstrada a pedaggio con i suoi 94 chilometri a scorrimento veloce, abbatterà i tempi di spostamento dall’altro i sindaci dei comuni della Marca interessati dal tracciato, esprimono preoccupazione per il possibile aumento del traffico pesante che si riverserà anche sui piccoli centri e sulle strade secondarie con il timore di ingorghi e caos.

“Secondo uno studio commissionato dalla Regione e presentato ai sindaci sull’impatto del traffico della superstrada, l’incidenza sulla nostra viabilità sarà vicina al 2%. Quasi impercettibile”, spiega Matteo Guidolin sindaco di Riese Pio X, comune interessato da due caselli, quello di Riese e quello verso Altivole. “Ma uno studio diverso, sempre sull’incidenza del traffico, fatto dal comune di Mussolente, ci mostra dati completamente diversi”. Le ricadute sulla viabilità locale, dichiarate dalla Regione, sembrano sottostimate. “Bisognerà valutare una volta aperto il nuovo tratto la reale situazione. Certo un impatto ci sarà sulla nostra viabilità”.

Per questo Guidolin e gli altri primi cittadini trevigiani da tempo hanno chiesto opere complementari per non andare ad intasare la viabilità interna dei comuni. “La nostra preoccupazione è per il casello verso Altivole con il traffico lungo la strada provinciale 667 che si riverserà verso il centro di Vallà per arrivare a Castelfranco". “Sicuramente servono investimenti sulle opere secondarie e bretelle che allegeriscano i flussi verso i caselli. Ora andranno fatte le valutazioni sui reali bisogni e poi sarà necessario sedersi subito ad un tavolo e intraprendere gli interventi necessarie come il progetto della bretella”.

L’incognita sull’incremento di traffico in strade già sofferenti preoccupa anche il sindaco di Spresiano, Marco Della Pietra. “Noi ad oggi abbiamo già una strada, la Pontebbana, che taglia in due il paese, pesantemente trafficata. Finché non sarà pronto il collegamento con la A27 bisognerà fare i conti con la situazione che avremo davanti agli occhi nei prossimi mesi. Noi come Comune stiamo già facendo delle opere per la viabilità: la rotonda sulla statale all’Odissea e con il comune di Villorba stiamo studiano una bretella in via Marconi che aggiri Spresiano. Se saranno necessarie altre opere stradali dialogheremo con la Regione per intervenire”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×