06/12/2021sereno

07/12/2021velature lievi

08/12/2021pioggia

06 dicembre 2021

Castelfranco

Stop ai vandali: il nuovo Parco comunale sarà dotato di telecamere

A San Zenone degli Ezzelini il sindaco, Fabio Marin, sceglie la linea dura contro la maleducazione

| Maria Elena Tonin |

immagine dell'autore

| Maria Elena Tonin |

Gioci per bambini

SAN ZENONE DEGLI EZZELINI - San Zenone degli Ezzelini non è stato che l'ultimo paese della pedemontana a lamentare un uso improprio di giostrine e parco pubblico, da parte di adolescenti. Solitamente la protesta attiva dai social da parte di qualche mamma arrabbiata o di qualche utente stanco che segnala un atto vandalico. A San Zenone era stato lo stesso sindaco, Fabio Marin, ad avvisare, due giorni fa, ragazzi e soprattutto genitori, che il nuovo Parco comunale sarà dotato di telecamere, proprio a seguito di alcuni atti di maleducazione, da parte di adolescenti, che non si erano fermati neppure in presenza di un adulto della Protezione civile che li aveva redarguiti.



"Le telecamere ad alta risoluzione arriveranno a giorni" assicura il sindaco "e probabilmente il disagio è diffuso, non solo qui, ovviamente: tolleranza zero verso che rovina un'opera pubblica apprezzata dalle famiglie. Ma per i giovani, credo che in realtà il problema vero sia l'ascolto." Così, il primo cittadino, oltre a mandare i vigili urbani, al parco ci è andato di persona, cogliendo sul fatto gli adolescenti, probabilmente annoiati, ad usare le giostrine dedicate ai più piccoli. "Ovviamente chi rompe le cose pubbliche, paga, questo è imprescindibile, ma i ragazzi vanno educati e bisogna parlarci insieme. Forse a fare più danni sono gli adulti" racconta Marin "ho parlato a lungo con loro, ho chiesto se avevano proposte, assicurando la nostra disponibilità. Noi siamo qui per ascoltare tutti: ed in effetti, mentre me ne andavo mi sono corsi dietro per chiedermi altre cose.



"Sono ragazzi dagli undici ai sedici anni: i più grandi ho chiesto ai più grandi di insegnare ai più piccoli come usare il parco." conclude Marin che ricorda che proprio lo scorso autunno a San Zenone era partito il progetto "Tok tok, ci siamo" proposto dal Progetto giovani del Paese, con un questionario dedicato ai giovani tra i 16 e i 21 anni per capire i loro bisogni e le loro aspettative, a cui vevano risposto oltre cento giovani: "Età diverse, ma la risposta ci ha fatto capire che avevamo la possibilità di entrare nel loro modo di pensare."



 



 


 


| modificato il:

foto dell'autore

Maria Elena Tonin

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×