20 ottobre 2020

Treviso

Tamponi e quarantena per le badanti che rientrano dall’estero

Dovranno rimanere in isolamento per due settimane e astenersi dall’attività di assistenza fino all’arrivo dell’esito del test

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

badante

CASIER - Badanti e assistenti domiciliari che rientrano a Casier dall’estero negli ultimi 14 giorni dovranno sottoporsi al tampone rinofaringeo per verificare l’eventuale contagio da coronavirus. Inoltre, dovranno rimanere in quarantena per due settimane e quindi astenersi dall’attività di assistenza fino all’arrivo dell’esito.

Questa la misura comunicata dall’amministrazione comunale di Casier per tutti coloro che svolgono attività di assistenza ad anziani e disabili e siano stati all’estero, così come previsto dalle recenti indicazioni diramate dalla Regione del Veneto. “Badanti e assistenti domiciliare - scrive il Comune - potranno richiedere il test direttamente dal medico di famiglia con ricetta tema e codice di esenzione 5G1, dando indicazioni di astenersi dall'attività di assistenza/badante fino ad esito negativo del test. Il personale addetto all'assistenza, così come tutte le persone rientrate dall'estero, a esclusione dai Paesi della UE, quelli del patto Schengen e da alcuni altri hanno l'obbligo di segnalare il rientro al Dipartimento di Prevenzione e l’obbligo della permanenza domiciliare fiduciaria per 14 giorni. Al termine della quarantena, non è prevista l’esecuzione del tampone”. Resta ancora il divieto di ingresso e di transito in Italia per le persone che nei quattordici giorni antecedenti hanno soggiornato o sono transitati nei seguenti Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana. Sarà comunque consentito il rientro alla propria residenza/domicilio da questi Stati per i soli cittadini italiani che odvranno comunqeu effettuare la quarantena.

 Per comunicare il rientro dall’estero al Dipartimento di Prevenzione si dovrà telefonare al numero di telefono 0422.323888, attivo dal lunedì al sabato, dalle 8.00 alle 16.00 oppure inviare un’e-mail all’indirizzo coronavirus.sisp@aulss2.veneto.it.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×