03 aprile 2020

Treviso

Furti ai bancomat con esplosivo, in tre estradati dal Belgio

Indagini dei carabinieri di Treviso e Padova

| commenti |

| commenti |

bancomat

TREVISO - Tre pregiudicati italiani sono stati estradati dall'Italia in Belgio, su mandato d'arresto europeo legato a indagini su numerosi furti con esplosivo a istituti di credito nel paese Nordeuropeo. I tre si trovavano già in carcere da settembre nell'ambito di indagini dei Carabinieri di Treviso e Padova, coordinati dalla Procura euganea, su una serie di "colpi" commessi con la tecnica della "marmotta esplosiva" nel Triveneto, che avevano fruttato circa 600.000 euro.

 

Il Giudice istruttore del Tribunale della provincia di Hainaut, divisione di Charleroi, contesta nei loro confronti l'associazione per delinquere per reati contro il patrimonio commessi con armi ed esplosivi tra marzo e settembre 2019. La collaborazione internazionale tra le magistrature italiana e belga e i Carabinieri e la Polizia federale belga aveva consentito di delineare l'azione della banda, portando all'arresto di 11 persone, tra cui una donna.

 

Dei sette indagati italiani, cinque erano i destinatari mandato di arresto europeo. Due sono stati consegnati alla Polizia federale belga stamani all'aeroporto di Milano Malpensa. Altri due destinatari di Mandato di arresto europeo verranno estradati al termine del primo grado di giudizio italiano.

 

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×