05 aprile 2020

Treviso

Risse in centro a Treviso tra giovanissimi: "Il problema va affrontato con scuole e famiglie"

L'annuncio di Conte dopo l'aggressione con spray urticante conto un 16enne, in arrivo anche i vigili in bicicletta per i controlli nei parchi

| Isabella Loschi | commenti |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi | commenti |

TREVISO - “I controlli del quadrante tra Porta Altinia, via Roma e piazza Borsa sono aumentati del 400%. Ma continuano ad essere questi episodi di violenza legati soprattutto ai giovanissimi. E’ un problema che non va affrontato solo con le forze dell’ordine, ma anche con le famiglie, le scuole e tutto il tessuto sociale. E’ un problema che sta caratterizzando non solo Treviso ma tutto il territorio nazionale con questi fenomeni d violenza legati ai giovanissimi”. Queste le parole del sindaco Conte dopo l’aggressione con lo spray urticante contro un 16enne, avvenuta sabato scorso nei giardinetti di Porta Altinia. Conte, oltre a puntare sulla sicurezza con i pattugliamenti delle forze dell’ordine pensa anche di allargare i controlli con l’intervento e la collaborazione degli assistenti sociali per l’educazione dei ragazzi.

“Non è solo con le forze dell’ordine che si possono risolvere certi comportamenti - sottolinea Conte - Noi certo aumenteremo ulteriormente la presenza della polizia locale e parlerò anche con il Prefetto per chiedere un supporto maggiore da parte di polizia e carabinieri. Dobbiamo lavorare con le famiglie sul tempo libero per fare in modo che questi ragazzi non stiano per strada a fare danni, ma in altri luoghi che li facciano crescere, anche con la collaborazione delle scuole”.

Anche per questo il sindaco sta pensando di ripristinare l’ordinanza anti-alcol voluta della giunta Manildo. E sempre in tema di sicurezza a partire da maggio la polizia locale avvierà i pattugliamenti in bicicletta con un nuovo nucleo di “Bike patron”. Dieci agenti a partire da maggio, a Treviso, agiranno in bicicletta per il controllo capillare del territorio, in particolare di aree verdi, parchi, piste ciclabili e quartieri.

A costituire il nuovo Nucleo intersettoriale saranno cinque operatori già in servizio più i nuovi agenti che saranno assunti con il prossimo concorso, già bandito, che prevede le assunzioni a maggio.

Il programma di addestramento prevede 30 ore di lezione durante le quali verranno trattati temi come l'individuazione dei rischi durante la pattuglia ciclo-montata, il superamento degli ostacoli in ogni situazione, le modalità di pattugliamento anche in ore serali e notturne. “Le pattuglie in bicicletta potranno così raggiungere facilmente le aree verdi per il contrasto al degrado urbano come l’abbandono di rifiuti o lo spaccio di droga. Gli agenti vigileranno anche su Restera e parchi pubblici - spiega il comandante Gallo - Alcuni servizi in estate saranno poi svolti pure di sera, soprattutto nelle aree più affollate”.

“Le pattuglie in bicicletta rappresentano una risorsa per la sicurezza perché permettono un contatto diretto e immediato coi cittadini - afferma il sindaco Conte. "Gli agenti verranno formati da un’Accademia altamente professionalizzante, così da garantire non solo un servizio in più ma anche controlli e interventi efficaci”.

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×