01 aprile 2020

Treviso

8 tonnellate di mangime sequestrato: rischi per il benessere degli animali

| commenti |

| commenti |

8 tonnellate di mangime sequestrato: rischi per il benessere degli animali

TREVISO -  Otto tonnellate di materie prime per mangimi non conformi perché scadute e senza le autorizzazioni, due autocarri privi del permesso al trasporto di rifiuti e varia documentazione contabile e informatica. È quanto è stato sequestrato dai carabinieri forestali di Reggio Emilia, in collaborazione con altri reparti del Nod, durante perquisizioni che hanno riguardato 17 aziende, tra cui alcune multinazionali e aziende leader di settore, nelle province di Reggio Emilia, Milano, Brescia, Trieste, Udine, Venezia, Treviso, Torino, Cremona e Mantova, per gestione illecita di rifiuti alimentari. In particolare gli scarti derivanti da industrie dolciarie e della panificazione del Nord Italia sarebbero stati ritirati fraudolentemente da tre aziende reggiane e poi reimmessi illecitamente, tramite articolati raggiri documentali, nel mercato della zootecnia, per la produzione di mangimi e nelle centrali a biogas per la produzione di energia rinnovabile.

 

Quattro gli indagati. Le condotte illecite avrebbero comportato potenziali rischi per la salute ed il benessere degli animali allevati e dei prodotti derivati da destinare all'alimentazione umana e potenziali rischi di inquinamento delle varie matrici ambientali. Due società reggiane erano già state oggetto di indagine da parte per gli stessi reati: trasporto e lo smaltimento di rifiuti speciali non autorizzato, frode in commercio e il commercio di sostanze alimentari nocive.

 

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×