06 aprile 2020

Valdobbiadene Pieve di Soligo

La fontana degli innamorati

La fontana di Stramare meta degli innamorati a San Valentino

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

Fontanel a Stramare

SEGUSINO - Anche quest’anno a Stramare, pittoresca località di Segusino, si è rinnovata l’antica tradizione del “Fontanel”. La leggenda narra, infatti, che dalla piccola fontana in pietra, ubicata al centro del borgo (chiamata per l’appunto Fontanel) sgorghi un’acqua prodigiosa per gli innamorati che la bevono nel giorno di San Valentino. Il 14 febbraio di ogni anno molti fidanzati si recano alla fonte per bere fiduciosi la prodigiosa acqua che garantirà loro il rafforzamento del legame affettivo ma non mancano anche i single che sperano di trovare il grande amore e sorseggiando il liquido miracoloso sono persuasi di assicurarsi la fortuna nelle questioni di cuore.

Una tradizione che porta in paese diversi visitatori, per l’occasione, poiché oramai i benefici del “Fontanel” sono diventati celebri ben oltre i confini di Segusino dove la comunità è persuasa della magia di quest’acqua che sembra sia anche afrodisiaca. Il manufatto idraulico è stato ricavato nel Settecento da un unico blocco di pietra proveniente dalla Val di Non e si trova in una piccola piazzetta a pochi passi dalla chiesetta di San Valentino, patrono degli innamorati oltre che degli epilettici come ben si comprende osservando la tela sopra l'altare dell’edificio che ha una caratteristica navata rotonda e un presbiterio rettangolare.

Non è dato sapere da quanto e per quale ragione il Fontanel sia diventato motivo di pellegrinaggio per le questioni di cuore mentre è certo che la festività di San Valentino sia stata istituita nel 496 da Papa Gelasio I, per sostituire e sopprimere la festa pagana dei “lupercalia” romani, dedicata alla fertilità. La figura di San Valentino è celebre anche per il suo messaggio di amore ma probabilmente la sua associazione agli innamorati risale a un’epoca successiva, forse all’alto Medioevo ed è accompagnata da numerose leggende. L’incerta origine dell’attribuzione della ricorrenza dedicata all’amore romantico trova inoltre un collegamento nelle peculiarità di questo periodo dell’anno in cui si notano i primi segni del risveglio della natura (soprattutto nel centro Europa), tant’è che in Francia ed Inghilterra, si riteneva che proprio il 14 febbraio iniziasse l'accoppiamento degli uccelli, quale data migliore quindi per la festa degl'innamorati.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×