07 aprile 2020

Treviso

Coronavirus, i dirigenti scolastici devono segnalare gli studenti che rientrano dalla Cina

Alle scuole è stata inviata la circolare del ministero con le misure e segnalazioni da attuare

| commenti |

| commenti |

coronavirus

TREVISO - Anche nelle scuole trevigiane è entrata in vigore la nuova circolare del Ministero della Salute sulle misure da seguire per il controllo del coronavirus. L’ufficio scolastico di Treviso ha inoltrato a tutti gli istituti le circolari del ministero della Salute con le indicazioni operative da seguire.

In base alle disposizioni ministeriali i dirigenti scolastici degli istituti trevigiani che vengono a conoscenza dalla famiglia, dell'imminente rientro a scuola di un bambino/studente dalla Cina, “dovranno informare il Dipartimento di prevenzione dell’Usl di riferimento per mettere in atto una sorveglianza attiva, quotidiana, per la valutazione della eventuale febbre ed altri sintomi, nei 14 giorni successivi all'uscita dalle aree a rischio”.

Tale monitoraggio consiste nella puntuale verifica della febbre e dei sintomi tipici del nuovo coronavirus. A quel punto sono gli specialisti dell’Usl a decidere se i ragazzi possono continuare ad andare a scuola o se eseguire test e controlli previsti dai protocolli per vericare l’eventuale malattia.

La circolare riguarda i bambini che frequentano i servizi educativi dell’infanzia e gli studenti, fino alla scuola secondaria di secondo grado, di ogni nazionalità, che nei 14 giorni precedenti il loro arrivo in Italia siano stati nelle aree della Cina interessate dall’epidemia.

 

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×