04 aprile 2020

Agenda

Il Cantiere Art Gallery presenta.

Artisti: Alan Concas Alessandro Murer Gianni Paganelli Enrico Rinaldi a cura di Roberta Gubitosi

Mostre

quando 17/02/2020
orario Dalle 19:30 alle 22:30
dove Villorba
Il Cantiere Art Gallery, viale della Repubblica 5 - Villorba
info robertagubitosi@gmail.com

IL CANTIERE ART GALLERY

presenta: Alan Concas, Alessandro Murer, Gianni Paganelli, Enrico Rinaldi

a cura di Roberta Gubitosi

lunedì 17 febbraio ore 19:30

1 febbraio – 16 marzo 2020

Il percorso dell'artista udinese Alan Concas ha origine nell'arte figurativa e si basa sullo studio approfondito della teoria del colore e delle tecniche pittoriche. La ricerca sull'immagine del corpo si sviluppa quasi naturalmente verso una graduale sintesi formale ed emotiva che diviene il carattere personale della sua produzione. La gamma cromatica è ridotta quasi al monocromo in modo da esaltare il valore plastico delle forme definite solo grazie a delicatissimi e impercettibili passaggi di tono. Purificati dalla loro apparente contingenza, i frammenti dei volti, i corpi raccolti, le masse dei capelli vengono dilatati nello spazio, tradotti attraverso un deciso chiaroscuro per conferire all'immagine un carattere ideale e universale.

Nella produzione di Alessandro Murer, la definizione della forma e l'elaborazione di concordanze cromatiche costituiscono gli elementi fondanti di una ricerca che trova le sue origini nelle esperienze artistiche non figurative, come l'Espressionismo astratto e l'Informale. Nel suo percorso creativo, la libera gestualità lascia progressivamente il posto a un'articolata geometria costruita attraverso ripetute sovrapposizioni di piani cromatici. Le opere recenti infatti si caratterizzano per le forme taglienti che si intersecano come lame e per i colori liquidi che sembrano quasi scivolare sulla superficie lasciando trasparire gli strati sottostanti.

La ricca produzione di Gianni Paganelli si articola in un percorso che ha origine nell'arte figurativa e nella sperimentazione tecnico-formale. La figura femminile diviene protagonista di una ricca serie di opere grafiche e pittoriche. Il segno frammenta e scompone le forme dei corpi caricandoli di nuovi valori espressivi. Le figure allungate seguono la verticalità del campo visivo divenendo protagoniste di una quotidianità trasfigurata in cui gli spazi aperti, le architetture degli interni completano e bilanciano le pose precarie dei corpi. L'equilibrio instabile delle figure diviene metafora esistenziale della frammentazione dell'io nella molteplicità delle relazioni e nella precarietà nella società fluida contemporanea.

Enrico Rinaldi concepisce l'arte come impegno socio-culturale che si concretizza nella rielaborazione concettuale dei grandi temi storici, dei ritratti dei personaggi famosi, dei paesaggi urbani, dei capolavori della storia dell'arte. L' opera è il risultato di un'azione interpretativa che svincola ogni soggetto dal suo contesto originario creando nuove relazione tra passato e presente. La chiave interpretativa di ogni opera emerge dalla ricercata relazione tra l'icona-ritratto e la texture del sfondo. Gli assemblaggi e i collage digitali creano uno spazio unitario senza tempo in cui immagini diverse coesistono determinando una nuova trama di relazioni e di possibili interpretazioni.

Roberta Gubitosi


Appuntamenti in Evidenza

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×