17 febbraio 2020

Benessere

Medicina: gli esperti promuovono la videocapsula endoscopica.

AdnKronos | commenti |

AdnKronos | commenti |

Medicina: gli esperti promuovono la videocapsula endoscopica.

(Adnkronos) - "La capsula endoscopica sta avendo un'evoluzione rapidissima, legata a quella informatica". Sono le parole di Renato Cannizzaro, direttore di Gastroenterologia oncologica sperimentale al Centro di riferimento oncologico-Cro di Aviano (Pordenone), intervenuto a Vimercate al convegno Rave (Riunione annuale videocapsula endoscopica), che ha riunito i massimi esperti italiani di gastroenterologia.

"Siamo riusciti ad analizzare tratti intestinali che prima non potevamo raggiungere - ha evidenziato l'esperto - ma anche a seguire e monitorare le varie patologie, il loro sviluppo e la risposta ai trattamenti. Abbiamo farmaci che portano alla guarigione quasi totale delle lesioni interne e, grazie alla capsula, adesso possiamo monitorare la loro evoluzione. Così facendo potremmo diminuire la probabilità di insorgenza di alcuni tumori intestinali, come quello al piccolo intestino. Probabilmente il prossimo sviluppo della capsula endoscopica sarà influenzato dall'evoluzione dell'intelligenza artificiale, campo tecnologico in cui ancora possiamo migliorare".

La videocapsula endoscopica - hanno ricordato i medici - è oggi disponibile in quattro modelli, ciascuno ottimizzato per un preciso segmento o patologia gastrointestinale (intestino tenue, intestino crasso, tratto gastrointestinale superiore, malattia di Crohn) e in base al tipo di indagine richiesta. Una metodica non invasiva indicata ad esempio per i casi di sanguinamento dell'intestino tenue, come in tutti i casi non rilevabili con colonscopia e gastroscopia. Negli ultimi anni, poi, si è visto che la capsula può essere utilizzata anche in caso di celiachia che non risponde al trattamento, nei casi di malattia di Crohn difficili da diagnosticare (con particolare attenzione a quella che colpisce l'intestino tenue), in caso di malattie genetiche che possono portare al tumore dell'intestino, come la sindrome di Peutz-Jeghers, o se si sospetta la presenza di polipi.

"Grazie allo sviluppo e alla diffusione della videocapsula, si sono aperte nuove possibilità di diagnosi relative alla malattia di Crohn, soprattutto nel piccolo intestino, dove prima era difficilmente riconoscibile - ha affermato Maurizio Vecchi, professore di Gastroenterologia all'università degli Studi di Milano e direttore del reparto di Gastroenterologia al Policlinico del capoluogo lombardo - L'immagine che può dare la videocapsula delle alterazioni mucose caratteristiche della malattia di Crohn è estremamente sensibile. Inoltre è sempre più importante la stadiazione di questa patologia, capire cioè quanto e come è diffusa nell'intestino, per avere una visione più completa e adottare la giusta strategia terapeutica. La malattia di Crohn, inoltre, è una malattia infiammatoria cronica che aumenta il rischio di formazione di adenocarcinomi. Controllare la malattia riduce significativamente questi rischi".

 



AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×