03 aprile 2020

Vittorio Veneto

"Togliere il pedaggio sulla A27 a Vittorio Veneto è possibile"

Il consigliere Alessandro De Bastiani invita il Presidente del Veneto Luca Zaia in città

| Roberto Silvestrin | commenti |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - Liberalizzare la A27 a Vittorio Veneto: il “tormentone” torna a far discutere, dopo le esternazioni del presidente Luca Zaia sulla possibile abolizione dei pedaggi sull’autostrada Venezia-Padova.

 

E’ stato il consigliere di Rinascita Civica e Partecipare Vittorio Alessandro De Bastiani a scrivere al Governatore, invitandolo a Vittorio Veneto, perché “aprire l’autostrada è possibile, ambientalmente sostenibile e conveniente per tutti”.

 

“Benvenuto tra le file di coloro che da decenni auspicano l’apertura della tratta autostradale Cozzuolo-Savassa per alleggerire il traffico che inquina il quartiere di San Giacomo e il centro storico di Serravalle – scrive De Bastiani -. Benvenuto tra gli ambientalisti da salotto, come ci chiama il segretario della Lega Matteo Salvini, che hanno sempre sostenuto che era possibile liberalizzare un tratto della A27, piuttosto di realizzare un obbrobrio di traforo che avrà come risultato primario lo spostamento del problema della viabilità da Serravalle a Sant’Andrea”.

 

“Ti invito perciò a Vittorio Veneto per spiegare a tutti, specialmente ai suoi amministratori, che aprire un pezzo di autostrada è utile e possibile – continua il consigliere -. Perché devi sapere che non più di un mese fa un nostro assessore ha nuovamente sostenuto che aprire l’autostrada costa soldi e che perciò è impossibile. Purtroppo a Vittorio Veneto è difficile condurre un ragionamento sulla base della logica e del buonsenso, tutto si svolge su idee preconcette, che in quanto tali sono difficili da smontare. Perché di preconcetto si tratta, se si vuole negare che su una autostrada, la A27, dove già ci sono due tratte libere da pedaggio, la Mestre-Mogliano e la Ponte delle Alpi-Pian di Vedoia, si possa farne una terza, la Cozzuolo-Savassa. Tieni inoltre presente che in zona industriale di San Giacomo è predisposta l’apertura di un casello per far confluire il traffico pesante”.

 

“Fammi sapere, caro Zaia, se e quando potrai venire in città, per invitare anche l’ex sindaco di Treviso Giovanni Manildo e gli altri sindaci dei comuni attraversati dalla A27, che da qualche anno auspicano l’apertura di tutto l’asse autostradale Mestre-Pian di Vedoia – conclude De Bastiani -. Tutti quanti insieme, forse, riusciremo a spiegare ad amministratori passati, presenti e futuri, che aprire l’autostrada è possibile, ambientalmente sostenibile e conveniente per tutti”.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×