04 aprile 2020

Vittorio Veneto

"Così si falsano le elezioni a Vittorio Veneto"

La lettera del segretario Psi Pasquotti dopo il caso delle "firme doppie"

| Roberto Silvestrin | commenti |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - La questione delle "doppie firme" a sostegno delle liste elettorali a Vittorio Vittorio finisce in Prefettura. A segnalarla, con una lettera al prefetto Maria Rosaria Laganà, è il segretario provinciale del Psi, Ottavio Pasquotti, che ha riportato “presunte irregolarità nella raccolta delle firme a corredo delle liste per la elezione del sindaco e dei consiglieri comunali, con particolare riguardo alle procedure di raccolta e di autentica delle stesse”.

 

Tra gli esempi riportati dal segretario ci sono “firme apposte dalle stesse persone su più liste”, “firme raccolte per altri scopi ed utilizzate per le liste comunali”, “firme raccolte in altro comune e autenticate da un amministratore di altro comune”, “firme fotocopiate”, “firme raccolte in altro comune e in data molto antecedente alla effettiva preparazione delle liste”.

 

Secondo Pasquotti c’è il pericolo di una possibile alterazione dei risultati elettorali: “Si tratta di irregolarità molto gravi, che vanno ben oltre l’involontaria firma di più liste, e che, se fossero dimostrate, potrebbero avere rilevanza anche penale. Si rileva inoltre che l’eventuale nullità di liste a seguito delle irregolarità segnalate, ma presenti comunque nella scheda elettorale, falsa gravemente il risultato elettorale e distorce la volontà degli elettori ingannati dalla presenza di coalizioni e/o liste che non hanno titolo per essere ammesse alla competizione elettorale”.

 

Il segretario del Psi ha chiesto quindi al Prefetto di verificare se le date e il luogo di autenticazione delle firme delle liste presentate siano quelle in cui la raccolta e l’autenticazione sono avvenute. Questo per assicurare la “validità della tornata elettorale in corso”. Il problema delle “doppie firme” - presunto fino a quando eventuali approfondimenti non chiariranno i termini della questione - era stato sollevato per la lista di Fratelli d’Italia, come aveva confermato lo stesso candidato sindaco del centrodestra, Antonio Miatto, supportato proprio da Fdi nella corsa elettorale. Ma potrebbe non essere finita qui: “Mi hanno detto che un po’ tutte le liste hanno questo problema, ho sentito che anche a sinistra ci sono dei doppioni”, aveva detto il candidato.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×