10 luglio 2020

Treviso

Prima picchia un'anziana che passeggia con la nipote, poi deruba una ragazza

Arrestata una marocchina di 25 anni. Ha malmenato anche i poliziotti quando l'hanno bloccata

| Matteo Ceron |

immagine dell'autore

| Matteo Ceron |

polizia

TREVISOPrima ha colpito più volte un’anziana che passeggiava con la propria nipotina nel tentativo di derubarla, poi ha sfilato la borsa a due ragazze con le quali c’è stata una colluttazione. Protagonista una marocchina di 25 anni, poi stata rintracciata e tratta in arresto dalla polizia.

I fatti si sono verificati ieri nella zona di via Santa Bona Nuova. Il primo episodio è avvenuto intorno alle 16, quando l’anziana è stata vittima della marocchina, la quale ha tentato di scipparla mentre si trovava a passeggio con la sua nipotina.

La straniera ha colpito più volte la signora, ma di fronte alla strenua resistenza di quest’ultima, si è allontanata a mani vuote di corsa, entrando in un bar a poche centinaia di metri di distanza.

 

Lì, dopo aver consumato una bevanda senza peraltro pagare il conto, si è avvicinata ad un tavolino dov’erano sedute due ragazze, riuscendo a sfilare la borsa che era appoggiata dietro la schiena di una di queste. A quel punto è uscita dal locale per darsi alla fuga, ma le due ragazze si sono messe all’inseguimento, riuscendo a raggiungerla poco distante.

Qui c’è stata una violenta colluttazione e sono riuscite a recuperare la borsa mettendola nuovamente in fuga.

Le volanti della polizia, che già dopo il primo episodio si erano messe alla ricerca della donna, sono riuscite a rintracciarla mentre correva in direzione delle piscine comunali. È stata bloccata ed ha cominciato a divincolarsi, prendendo a pugni i poliziotti, i quali in qualche modo sono riusciti a farla salire nella volante per accompagnarla in questura.

 

La 25enne, già denunciata per aver commesso un furto in via Roma a febbraio scorso, è stata arrestata per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, tentato furto con strappo e tentata rapina impropria.

Dopo essere stata messa a disposizione dell’autorità giudiziaria per il rito direttissimo, è stato disposto il foglio di via con divieto di ritorno nel Comune di Treviso per tre anni.

 



foto dell'autore

Matteo Ceron

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×