Ecco "Il buon fattor di Villa"

A Cimadolmo è stata presentata la nuova linea di prodotti agroalimentari nata dagli spunti di un libro del 1679

commenti |

CIMADOLMO - Una nuova serie di prodotti agroalimentari basati su un libro del 1679. L’idea è dell’imprenditore di Cimadolmo Lionello Da Rios (nella foto sopra).

Presentata infatti a Cimadolmo mercoledì durante un incontro alla Trattoria Rui di piazza Martiri, nel corso di un pubblico incontro, la nuova linea di prodotti agroalimentari dedicata a Giacomo Agostinetti (1597-1682), cittadino di Cimadolmo autore del saggio “Cento e dieci Ricordi che formano il Buon Fattor di Villa”, stampato a Venezia nel 1679.

A individuare i prodotti e a rilanciarli nello spirito dell’antico fattore di Cimadolmo è stato l’imprenditore Lionello Da Rios che, nel suo clos, ossia vigneto circondato da mura, nel cuore del centro storico di Cimadolmo ha realizzato una vigna di Raboso Piave.

E con l’uva della vendemmia 2014 ha iniziato a imbottigliarne il vino la scorsa primavera: in bella vista l’etichetta che riproduce fedelmente la copertina ufficiale del volume dell’Agostinetti.

All’incontro sono intervenuti l’assessore comunale Francesco Truccolo, il Gran Maestro della Confraternita del Raboso Piave Mario Barbieri con numerosi confratelli, il primo produttore del Malanotte Giorgio Cecchetto, il Presidente della Pro Loco Graziano Dall’Acqua, Simeone Barbaran produttore della Rabosina bianca (il cosiddetto “Grapariol”), il gastronomo Giampiero Rorato e altri cultori delle produzioni storiche del territorio.

Da Rios ha illustrato la genesi di questi prodotti: «A casa ho un vigneto di Raboso Piave, vino citato nel "Riccordo 24" di Giacomo Agostinetti; proprio per questo ho voluto produrre delle bottiglie esclusive di Raboso Piave dedicate in etichetta al nostro concittadino. Inoltre, essendo nella stagione del radicchio, ho prodotto del radicchio di Treviso legato al volume dell'Agostinetti, che parla pure di stalle e di allevamento bovino, quindi di latte e formaggio.

Inoltre coi nostri ulivi, ecco anche l’olio extravergine dedicato al nostro avo. Preannucio che a primavera avremo anche gli asparagi nella linea dedicata al Buon fattor di villa».

A seguire, Rorato ha presentato i vari prodotti esposti, ossia il Raboso Piave (Riccordo 24 dell’Agostinetti), il Formaggio al Raboso (Riccordo 80), l’Olio extravergine d’oliva (Ricordo 67), il Radicchio (Riccordo 76) e, viste le feste imminenti, Da Rios ha presentato anche un Panettone al Raboso Piave. L’assessore Truccolo ha detto: «Grazie a Lionello Da Rios per il suo impegno nel valorizzare l’illustre concittadino Giacomo Agostinetti, proponendo in veste nuova i prodotti da lui citati e ispirati al suo trattato, dando lustro anche al Comune di Cimadolmo». È seguita una degustazione di tutti i prodotti.

 

 

In collaborazione con:

Con il supporto di:

Scrivi a Treviso a Tavola:

Scrivi alla Redazione Segnala un Evento

Grazie per averci inviato la tua notizia

×