03 giugno 2020

Treviso

Immigrazione e accoglienza: "Mancano politiche lungimiranti"

L'intervento di Franceschini presidente di Volontarinsieme-Csv Treviso

| commenti |

| commenti |

Immigrazione e accoglienza:

TREVISO - “La vicenda dei migranti non può continuare ad essere solo un problema di accoglienza, chiedendoci dove e come li possiamo sistemare ma, visto anche il dibattito pubblico, è diventata e deve essere affrontata come una questione tutta politica, che rimanda, in ultima istanza, al tema spinoso delle politiche di asilo”. A sottolinearlo Alberto Franceschini, presidente di Volontarinsieme-Csv Treviso, intervento sul dibattito in corso sul tema immigrazione e accoglienza dei richiedenti asilo.

“Il fatto che i Paesi del Nord Europa abbiano rifiutato di modificare le regole sul diritto d’asilo non alimenta certo l’ottimismo. Tuttavia, il governo italiano ha, in questo momento, la possibilità di giocare un ruolo da protagonista a condizione che sia capace di non disgiungere la gestione dell’emergenza profughi dalla necessità di impostare una più chiara politica comune verso i Paesi della sponda nord dell’Africa, a partire dalla ridefinizione della relazione tra confini nazionali e confini europei. Il merito di una iniziativa di questo tipo - continua Franceschini -sarebbe quello di lanciare un tema europeo non riducibile alla sola questione economico-finanziaria, che pare l’unica dimensione rilevante quando si parla di Europa. In questo modo, si stimolerebbero i cittadini europei a pensarsi come parte di una entità politico-culturale che esiste anche in base ad alcune scelte valoriali di fondo. Un obiettivo di grandissima valenza politica”.

“Il disagio, un problema di accoglienza che si riscontra oggi in Europa, non deriva forse dal fatto che la struttura della vita quotidiana continua a essere basata unicamente su riferimenti nazionali? In fondo, paghiamo tasse nazionali, ascoltiamo tg nazionali, facciamo scioperi nazionali, votiamo partiti nazionali. Avendo nel frattempo unito l’economia mediante la moneta unica, ciò non può che determinare una grave asimmetria che rischia di trasformare l’Europa in una matrigna, che chiede senza dare”.

“Che manchino politiche lungimiranti lo si vede anche dalle piccole cose qual è l’accordo sottoscritto da vari Comuni e da organizzazioni della società civile come il volontariato della Provincia di Treviso dove l’ambizioso obbiettivo di far fare lavori di utilità sociale è fallito visto che i casi in cui questo si è verificato coinvolge qualche decina di richiedenti asilo rispetto agli oltre 2.500 presenti in provincia.Questo succede per le modalità con cui si è pensato di dare applicazione all’accordo stesso tant’è che lo stesso volontariato, disponibile fin da subito a collaborare, dovendo misurarsi con questo meccanismo farraginoso ha preferito rinunciarci. Il fatto poi che in molti comuni non si fa accoglienza, per scelta di partito, comporta ulteriori difficoltà anche per il volontariato che non vuol mettersi in contrasto con l’amministrazione con cui collabora su altri terreni”.

Come se ne potrebbe uscire? Peri presidente del volontariato bisogna “innanzitutto prendere atto che il problema non si risolve negandone l’esistenza e neppure rinunciando a salvare le persone in mare ma rendendo più semplice il tutto a partire dal potenziamento degli apparati pubblici che della materia devono occuparsi. La non politica, una legislazione superata dai fatti con una mera applicazione burocratica, non può che dare l’impressione, peraltro diffusa, di essere invasi, cosa assolutamente non vera come ben dimostrano i numeri che coinvolgono il nostro Paese”.

 

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×