05 giugno 2020

Vittorio Veneto

"NON SIAMO I COMITATI DEL NO"

Cecilia Tomè: "abbiamo sempre avanzato proposte alternative"

| | commenti | (2) |

| | commenti | (2) |

Vittorio Veneto – Non ci stanno a fare la parte dei bastoni tra le ruote, i comitati vittoriesi. Sono dei “grilli parlanti” alla coscienza di tutti, che tentano di tenere alta l’attenzione di pubblico e istituzioni su problemi che spesso sembrano poco importanti. Per questo troppo spesso si vedono attaccati e accusati di impedire il “progresso”.

A reagire alle ultime accuse è il Comitato Ambiente di Vittorio Veneto: “come riportato da “Il Gazzettino” del 24 maggio – sottolineano i suoi membri - il Presidente della Provincia Leonardo Muraro imputa ai Comitati e alla Soprintendenza di Venezia l’aver dovuto “riprogettare” la bretella che congiungerebbe via Matteotti con l’uscita autostradale Vittorio Sud, mentre il candidato sindaco Gianantonio Da Re aggredisce verbalmente i cittadini che si oppongono al Traforo di S. Augusta, così come viene prospettato, con lo scempio di Rindola-S.Andrea”.

“Sorvolando sul frasario utilizzato - che la dice lunga sul rispetto che si ha per i cittadini di Vittorio Veneto – sottolineiamo che i Comitati cittadini non sono i “soliti comitati del no”: essi hanno sempre avanzato proposte alternative a certe scelte dell’Amministrazione”.

Sia la bretella sia il traforo, avverte il Comtitato Ambiente, sono fortemente datati e non terrebbero conto dei mutati scenari territoriali e dei diversi bisogni rispetto a quelli di oltre venti anni fa, primi fra tutti la connessione tra l’A 28 e l’A 27, e l’enorme espansione della Zona Industriale.

Quale vantaggio ne trae la città? “Per la bretella del Vendran nulla – risponde Cecilia Tomè, portavoce del Comitato Ambiente di Vittorio - in quanto si andrebbero ulteriormente ad intasare la via Matteotti ed il centro di S. Giacomo, dato che il prolungamento di via della Bressana verso la Zona Industriale è stato stralciato e, con le difficoltà economiche che ci ritroviamo, difficilmente verrà realizzato”.
Nessun vantaggio nemmeno dall traforo di S. Augusta: giudicato dalla Tomè non funzionale al superamento rapido di Vittorio e controproducente per l’intasamento che provocherebbe in via Virgilio e al semaforo di via Vittorio Emanuele II.

In alternativa i Comitati propongono l’apertura dell’autostrada al traffico locale, inserendo due accessi, uno in prossimità di Longhere e uno in Zona Industriale, passando dal sistema dei caselli a quello delle barriere.

“Al Presidente Muraro – aggiunge Tomè - che ci taccia di “ignoranza tecnica”, rinviamo l’apprezzamento, visto che tale soluzione è già adottata da decenni nella tratta nota come “tangenziale di Mestre”, nella Milano-Varese, Lainate-Como ed in molte altre autostrade nazionali ed estere”.

Ne hanno per tutti, i membri del Comitato Ambiente vittoriese: anche il presidente del Consiglio di Quartiere Val dei Fiori è duramente criticato.
“Si è perso l’arbitrio di sequestrare per quasi un anno le firme raccolte in seguito ad impegni assunti in assemblee pubbliche”

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×