07 aprile 2020

Treviso

Ottenuto lo status, ora vivono nel parcheggio dell’Appiani

Si tratta di una decina di profughi ospitati alla Serena

| Matteo Ceron | commenti |

immagine dell'autore

| Matteo Ceron | commenti |

Ottenuto lo status, ora vivono nel parcheggio dell’Appiani

TREVISO – Sono stati considerati idonei ad avere il riconoscimento dello status di rifugiato, di fatto quindi non sono più dei richiedenti asilo. Ma se prima stavano alla Caserma Serena di Casier ed in quanto inseriti nel sistema di accoglienza potevano contare su un tetto sulla testa e cibo, ora, invece, sono diventati dei clochard che vivono in un parcheggio.

Succede ad una decina di profughi di origine afgana e pachistana: da una decina di giorni bivaccano nel parcheggio sopraelevato dell’Appiani. Di giorno stanno al piano superiore, hanno steso delle coperte e rimangono lì in attesa non si sa di cosa, c’è chi va e chi viene con la bicicletta, c’è chi prega.

La notte la passano in una stanzetta sempre lì al parcheggio dell’Appiani. Bagni non ne hanno, mangiano una volta al giorno, la sera vanno alla Caritas e gli viene garantito un pasto.

Di fatto, comunque, sono delle persone abbandonate a loro stesse che non hanno alcuna possibilità. Ora sono liberi, possono circolare come qualsiasi cittadino italiano e teoricamente potrebbero lavorare per uno stipendio. Ma chi glielo offre un lavoro?

Al momento ci sono loro, ma tutto lascia supporre che man mano che i profughi usciranno dal sistema di accoglienza il numero di coloro che vivranno in questo modo, anche in centro a Treviso, sia destinato a crescere. 

 

(Nella foto in alto i profughi che bivaccano nel parcheggio, sotto dove dormono la notte)

 



foto dell'autore

Matteo Ceron

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×