05 aprile 2020

Castelfranco

«QUELLA SCALINATA NON SI TOCCA»

Le minoranze intendono bloccare il restauro di piazza XXIV Maggio

| | commenti |

| | commenti |

Castelfranco – La scalinata non si tocca. Stanno facendo fronte comune i gruppi di minoranza. Obbiettivo? Bloccare il restauro di piazza XXIV Maggio, che prevede la cancellazione della struttura originaria della storica scalinata di metà ottocento che sta ai piedi del palazzo che ci si affaccia.

L’opposizione ha presentato una richiesta di convocazione urgente del Consiglio comunale sul caso, che tecnicamente dovrebbe bloccare il via ai lavori fissato per l’altro ieri, 27 aprile, come indicato nell’ordinanza affissa alle transenne che già delimitano la piazza. Intanto uno dei proprietari del palazzo, Giorgio Mastrapasqua, sta facendo il diavolo a quattro pur di salvare la scalinata.

Ha già inviato una nota a parecchi castellani per trovare sostegno in una raccolta firme per bloccare il progetto, così com’è stato approvato. Ora le minoranze, oltre a rivendicare la sospensione dell’appalto proprio alla luce dell’atto ufficiale da loro presentato (da Statuto – fanno sapere - i lavori non potrebbero partire se prima il caso non è passato in Consiglio comunale), minacciano pure di segnalare il caso agli organi superiori della Sovrintendenza e non si esclude che possa essere sottoposto anche all’attenzione del ministro per i Beni Culturali Sandro Bondi.

«La richiesta che abbiamo presentato – afferma Livio Frattin del Partito Democratico – è un atto formale che impedisce di partire coi lavori prima che il caso venga affrontato in Consiglio. Quindi i lavori non possono per Statuto partire nel lasso di tempo che c’è tra la data di presentazione della richiesta, il 24 aprile scorso, e i venti giorni successivi entro i quali l’assemblea deve essere convocata».

«Ora ci aspettiamo che arrivi un telegramma dalla Sovrintendenza – aggiunge – che dice di sospendere i lavori fino a quando non sarà fatta chiarezza sull’opportunità di andare avanti col progetto. La scalinata ha fatto da sfondo ai momenti più significativi della vita di Castelfranco. Confermiamo il diritto degli andicappati di poter salire al ristorante, ma si possono trovare altre soluzione per realizzare la rampa a loro destinata».

 

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

immagine della news

30/04/2009

LA GRADINATA PER ORA E' SALVA

Il sindaco Maria Gomierato fa sapere che il caso prima sarà oggetto di valutazione in Consiglio comunale

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×