07 aprile 2020

Nord-Est

C'è il sole ma è tregua, sul Po è allerta

A Venezia l'acqua alta ha tocca i 110cm nella notte

| commenti | (1) |

| commenti | (1) |

C'è il sole ma è tregua, sul Po è allerta

VENEZIA, 16 NOV - Sul Veneto, dopo la pioggia insistente della notte, c'é un timido sole ma è solo una tregua, specie nella parte settentrionale della regione.

Sul Veneto sono attese nel pomeriggio - secondo l'Agenzia regionale per l'ambiente (Arpav) - nuove precipitazioni a partire dall'area dolomitica per poi scendere in pianura.

Resta alta l'attenzione sul fiume Po dove questa notte è passata l'onda di piena con il fiume comunque ingrossato per l'afflusso d'acqua eccezionale che giunge da Piemonte e Lombardia. Interdette all'accesso le aree golenali dove ieri erano state evacuate alcune abitazioni, lambite dall'acqua, per motivi di sicurezza specie nella zona di Polesella.

Nella notte ha provocato apprensione, ma poi tutto si è risolto per il meglio, anche il fiume Bacchiglione dove a Vicenza si è temuta l'esondazione nella parte più bassa della città. Il fiume, monitorato dalla Protezione civile, ha ampiamente superato i cinque metri d'altezza ma non è uscito dagli argini per poi defluire e progressivamente scendere di livello. Nessun problema lungo l'asta dell'Adige.

A Venezia l'acqua alta, sopra il medio mare, ha raggiunto i 110 centimetri d'altezza verso le 6 del mattino. A renderlo noto il Centro maree del comune che indica come il fenomeno sia stato classificato come 'marea molto sostenuta' (codice arancio) e come abbia interessato il 12% del suolo del centro storico cittadino.


Anche su Venezia c'è un timido sole dopo una notte di pioggia, le previsioni per l'acqua alta di domani danno il fenomeno in progressivo calo con una massima prevista in 90 centimetri intorno alle ore 7.0.

 

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×