15 agosto 2020

Treviso

Niente nuove restrizioni per i Veneti, Zaia: "Denuncia per i positivi che rifiutano il ricovero"

Ecco la nuova ordinanza

|

|

Niente nuove restrizioni per i Veneti, Zaia:

In Veneto l'azienda Ulss ha l'obbligo di denuncia e di comunicazione al sindaco, al Prefetto e alla polizia dei soggetti obbligati all'isolamento fiduciario, per eventuali controlli e misure cautelari. Lo prevede la nuova ordinanza regionale in vigore da oggi, annunciata dal presidente Luca Zaia. In caso di rifiuto del ricovero di soggetti risultati positivi, l'azienda ospedaliera presenta denuncia d'ufficio alle forze di polizia. Se vi è uscita dall'isolamento fiduciario, anche per soggetti negativi al tampone, la sanzione in Veneto viene confermata a 1.000 euro. Se la violazione riguarda il posto di lavoro, il datore di lavoro dovrà pagare 1.000 euro per ciascun dipendente dell'azienda.  

 

 "Chiedo che a livello nazionale si possa portare al penale la violazione dell'isolamento fiduciario anche del negativo". Lo ha affermato il presidente del Veneto Luca Zaia, illustrando la nuova ordinanza regionale sul Coronavirus. "Mi aspetto - ha aggiunto Zaia - che sul ricovero coatto si provveda, e ne ho parlato con il ministro Speranza, a trovare la modalità con un decreto, in maniera che i sanitari decidano se provvedere all'isolamento fiduciario in casa, e se il caso è grave, di fare in modo di evitare di disperdere il virus sul territorio".

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×