28/11/2021rovesci di pioggia

29/11/2021sereno

30/11/2021poco nuvoloso

28 novembre 2021

Castelfranco

"Nessuna fusione per Monfumo"

Lo dice Luciano Ferrari, sindaco uscente e unico candidato alle comunali

| Maria Elena Tonin |

immagine dell'autore

| Maria Elena Tonin |

Monfumo

MONFUMO - "Nessuna fusione per Monfumo; è impegnativa in termini di costi e energie": chiaro il messaggio del sindaco uscente del più piccolo paese della provincia di Treviso, dopo Portobuffoolè e unico candidato alle elezioni amministrative ormai prossime. Il paese prova a farcela da solo: Luciano Ferrari, nel primo degli incontri con la popolazione per mostrare la nuova lista di Nuova Monfumo, tratteggia così il futuro del paese. Mauro Furlanetto, presidente dell'ASD Monfumo Calcio Amatori, porta a casa la promessa, da parte dell'assssore uscente Sonia Rech "Quando saremo insediati" assicura l'assessore "firmeremo la nuova convenzione alle stesse condizioni di prima"

Non sembrano esserci grosse nubi all'orizzonte per l'unica lista che è riuscita a presentarsi per questo nuova turnata elettorale, che dopo primi 5 anni passati a fare poco più che manutenzione al comune, promettono per i prossimi 5, l'avvio della sistemazione di Villa Scotti, o quanto meno uno studio di fattibilità e la sistemazione delle scuole di Castelli, con la realizzazione di una struttura per le associazioni.

Il quorum per la vittoria, quest'anno, si abbassa e fa riferimento solo alla popolazione effettivamente residente a Monfumo, lasciando fuori, a causa del covid, la quota Aire del Comune, ovvero la popolazione residente all'estero da più di un anno: sono 1093 cittadini (778 maschi e 824 femmine), su un totale di 1603 iscritti gli effettivi elettori. Così, per vincere, quest'anno bastano 438 votanti e, naturalmente, la maggioranza rispetto alle schede bianche.

"C'è Alternativa per Monfumo", che non è riuscita a prensentare una propria lista, invita ad andare a votare e fare scheda bianca; più pragmatico il consigliere uscente della minoranza "Lista civica per Monfumo", Rodolfo De Paoli: "Premesso che chi invita a votare scheda bianca, avrebbe dovuto fare una lista, la proposta, per i numeri di Monfumo non è realizzabile. Meglio certamente l'ipotesi di un commissario prefettizio nell'attesa che parta dall'impegno di tutti i cittadini di buona volontà una nuova classe dirigente più responsabile e attenta alle esigenze del Paese".

 

 

 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Maria Elena Tonin

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

immagine della news

25/07/2021

"Pastasciutta antifascista" a Ca Corniani di Monfumo

Tante le personalità intervenute: Giuliano Varnier, presidente dell'Anpi di Treviso, Alessadra Gava, segretario generale del Sunnia, Michele Seno segretario provinciale di Articolo 1 e Rodolfo De Paoli già sindaco di Monfumo

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×