24 luglio 2021

Vittorio Veneto

"Nel 2002 c'erano 200 posti letto in Cansiglio, ora 20. C'è bisogno di strutture ricettive"

Il consigliere Dal Mas non si oppone a priori alla vendita del rifugio Sant'Osvaldo

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

CANSIGLIO - C’è chi non si oppone alla vendita del rifugio Sant’Osvaldo. Secondo il consigliere comunale fregonese Daniele Dal Mas, infatti, la struttura e l’hotel San Marco andrebbero rimessi a nuovo.

 

Il rifugio Sant’Osvaldo è stato inserito nel piano di valorizzazione e alienazione del patrimonio immobiliare della Regione: rientra quindi, insieme all’ex hotel San Marco di Tambre, tra i 122 immobili inseriti nel piano regionale. “Nel 2002 in Cansiglio c’erano oltre 200 posti letto, ora ce ne sono poco più di 20. Il turismo è in aumento, servono strutture ricettive”, sostiene Dal Mas.

 

Il rifugio è stato chiuso nel 2017, dopo 37 anni di attività. “Sono contrario alle privatizzazioni della foresta e dei terreni agricoli, nel 2009 ho fatto presentare in consiglio regionale una mozione contro la privatizzazione di tutto il Cansiglio – ricorda il consigliere -. Non possiamo, però, permettere che una struttura come il Sant’Osvaldo faccia la stessa fine del San Marco. Non possiamo opporci a priori alla vendita”.

 

Secondo Dal Mas un eventuale soggetto interessato all’acquisto del Sant’Osvaldo sarebbe, per il Cansiglio, “un’opportunità. Le attività della zona ne trarrebbero un bel vantaggio”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×