28 marzo 2020

Conegliano

Nascere e morire: l'etica nell'età della tecnica

Incontri con esperti al Liceo "Marconi"

| Pietro Panzarino - Vicedirettore | commenti | (1) |

immagine dell'autore

| Pietro Panzarino - Vicedirettore | commenti | (1) |

CONEGLIANO - Il Liceo “Marconi” di Conegliano, con l’intento di stimolare gli studenti nella riflessione sui grandi temi del mondo contemporaneo, ha attivato un percorso sperimentale biennale sulla Bioetica.

Da quest'anno, grazie a una convenzione tra il “Marconi” e l'Azienda ULSS 7 di Pieve di Soligo, gli allievi dell'istituto superiore coneglianese hanno a disposizione un nuovo strumento formativo in grado di far interagire ambiti disciplinari tra loro molto diversi, ma legati dalla comune esigenza di esaminare e valutare i cambiamenti nelle modalità del nascere e del morire, indotti dai progressi delle nuove tecnologie biomediche.

In questi giorni si sta concludendo la prima fase di approfondimento, che ha coinvolto in prima persona il Direttore Generale dell'USSL 7, dott. Gian Antonio Dei Tos, esperto di primo piano nel campo della bioetica, che ha tenuto alcuni incontri di formazione a un gruppo di docenti del "Marconi", con il coordinamento del Dirigente scolastico Stefano Da Ros, della prof.ssa Claudia De Zan e della dott.ssa Anna Ongaro, Responsabile della Segreteria Scientifica del Comitato Etico dell’ULSS 7.

“Il percorso sulla Bioetica avviato con il Liceo Marconi - sottolinea Gian Antonio Dei Tos - rappresenta un’importante sinergia tra la scuola e l’Azienda Sanitaria, che offre le sue competenze alla dimensione pedagogico-formativa, nell’ambito di una riflessione che diventa anche proposta educativa, sui temi della vita e del diritto alla salute”.

Gli incontri formativi per gli studenti hanno portato al Liceo le voci di professionisti di valore (medici, personale sanitario, filosofi, bioeticisti) come il già menzionato dott. Dei Tos, il dott. L. Sandonà (Presidente Comitato Etico), il dott. A. Pinto (Ginecologo), M.G. Busetti (Ostetrica), il dott. N. De Nardi (Medico di base), il dott. G. Casagrande (Responsabile Medicina Legale ULSS 7), dott R. Carlon (Anestesista, Responsabile Hospice Vittorio Veneto), il dott. A. Sacchetta (Internista, Direttore Dipartimento Area medica Ospedale di Conegliano) e il dott. C. Celletti (Pneumologo).

Il percorso ha coinvolto 4 classi del quarto anno (2 del Classico e 2 dello Scientifico) che proseguiranno la formazione anche il prossimo anno scolastico.

"Affrontando a scuola in maniera approfondita temi delicati quali la fecondazione assistita, l'aborto, la donazione degli organi, l'eutanasia, le terapie del dolore - afferma il dirigente del Liceo, Stefano Da Ros - facciamo compiere agli studenti un percorso di crescita, favorendo nei giovani un processo di consapevolezza morale e civile, tenendo conto che tra i nostri liceali vi sono i futuri medici, biologi, avvocati, giuristi, psicologi e educatori”.

 



foto dell'autore

Pietro Panzarino - Vicedirettore

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×