28 ottobre 2020

Cronaca

Multa da 1,5 miliardi a Google, per questioni di Antitrust

| Alberto Prior |

| Alberto Prior |

Multa da 1,5 miliardi a Google, per questioni di Antitrust

Nei giorni scorsi, Google LCC ha subito un duro colpo a causa di una multa di 1,50 miliardi di euro (1,68 miliardi di dollari) per aver abusato di un ruolo predominante nel panorama del web, avendo di fatto monopolizzato il sistema pubblicitario. Margrethe Vestager, il commissario europeo che ha condotto l’indagine, ha presentato a Bruxelles i risultati di una lunga indagine sugli introiti derivati dalla piattaforma ADSense.

 

"La decisione riguarda il modo in cui Google ha abusato della sua posizione per bloccare i siti Web che utilizzano broker diversi dalla piattaforma AdSense", ha affermato senza mezzi termini la Vestager durante la conferenza stampa tenutasi il 20 Marzo scorso. Dal dossier presentato dalla commissione emerge appunto che Alphabet società holding a cui fa capo Google LCC, abbia violato le norme antitrust dell'UE imponendo clausole restrittive nei contratti con i siti Web che utilizzavano AdSense, impedendo ad eventuali rivali di pubblicare i loro annunci su questi siti.

 

“Google ha impedito ai suoi rivali di avere la possibilità di competere nel mercato", ha detto Vestager. E ancora: "Inserzionisti e proprietari di siti Web, si sono trovati cosi a non avere scelta. Diversificandosi avrebbero dovuto infatti affrontare costi di commissione molto elevati, che sarebbero stati trasferiti poi con molta probabilità ai propri clienti".

 

L’operazione era stava avviata a valle di una segnalazione di Microsoft, che ha presentato un reclamo antitrust dell'UE sul servizio nel 2009. La Commissione europea ha poi avviato formalmente la sua indagine nel 2016, sebbene all'epoca avesse affermato che Google aveva già apportato alcune modifiche per consentire ai clienti interessati una maggiore libertà di mostrare annunci concorrenti.

 

Non è la prima volta che la commissione Antitrust mette a segno un duro colpo al il gigante di Silicon Valley. L'anno scorso, Vestager aveva colpito la società con una multa da 4,3 miliardi di euro (5 miliardi di dollari) a seguito di un'indagine sul suo sistema operativo Android e prima ancora, nel 2017 invece con una sanzione di 2,42 miliardi per altre questioni legate allo shopping on-line.

 



Alberto Prior

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×