09/08/2022sereno

10/08/2022poco nuvoloso

11/08/2022poco nuvoloso

09 agosto 2022

Mose: uno scandalo che sconvolge il Veneto

Tra i 35 arrestati anche sindaco Venezia - Chiesta custodia all'ex ministro Galan, oggi deputato.

 

VENEZIA - Bufera giudiziaria a Venezia, arrestati il sindaco Giorgio Orsoni, posto ai domiciliari, l'assessore regionale Renato Chisso e altre 33 persone, tra cui due ex presidenti del magistrato alle Acque della città lagunare. Le ipotesi di reato a vario titolo sono corruzione, concussione, riciclaggio. Nell'inchiesta su presunti fondi neri accumulati dagli allora vertici di una azienda operante nella costruzione del sistema Mose per la difesa di Venezia dalle acque alte anche una richiesta di arresto per Giarcarlo Galan, ex governatore del Veneto ed ex ministro con Berlusconi e ora deputato.
 

La cosiddetta inchiesta sul Mose parte da lontano

La cosiddetta inchiesta sul Mose parte da lontano e ha preso avvio da un filone dell'indagine per presunte mazzette relative ad opere autostradali lungo la A4 riguardanti una società presieduta da Lino Brentan. Patteggiata la pena per quella vicenda, Brentan oggi risulta tra gli arrestati per la nuova indagine della Procura di Venezia.

Da quel filone la Guardia di Finanza, coordinata dalla Procura di Venezia, è giunta ai presunti fondi neri creati da Piergiorgio Baita, all'epoca dei fatti ai vertici della Mantovani, la società leader nella realizzazione del Mose e all'interno del concessionario unico Consorzio 'Venezia Nuova' (Cav). Gli inquirenti sono riusciti poi a risalire agli allora vertici della Cav, con l'arresto (ai domiciliari) del presidente Giovanni Mazzacurati e di altre persone.

Nei giorni scorsi, nel quadro del filone riguardante l'ex presidente della Mantovani l'invio di uno stralcio del fascicolo al tribunale dei ministri relativo all'ex ministro Altero Matteoli.


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Argomenti del Dossier

Manildo:

Il sindaco assicura che l'arresto del primo cittadino di Venezia Orsoni non fermerà il progetto dell'area metropolitana

Manildo: "La Pa-Tre-Ve va avanti a prescindere dagli interpreti"

TREVISO - “Stupore e fastidio per questo intreccio tra potere politico, economico ed amministrazioni. Il Veneto deve pulire da questi sistemi i propri centri di potere".

5 Stelle: Sì all'arresto di Galan

Lupi riferisca in aula

5 Stelle: Sì all'arresto di Galan

ROMA - "Auspicando che il Parlamento si esprima quanto prima per dare l'autorizzazione a procedere all'arresto nei confronti dell'ex ministro Galan"

Mose, 35 arresti: tutti i nomi

Accuse di corruzione, concussione e riciclaggio. Fatture false per 25 milioni

Mose, 35 arresti: tutti i nomi

VENEZIA - Questi i nomi delle persone arrestate oggi nell'ambito dell'inchiesta della Gdf sugli appalti del Mose.

Salvini: Sono pronto a mettere la mano sul fuoco su Zaia

"Non si tratta di inchiesta ad orologeria e la Lega è estranea"

Salvini: Sono pronto a mettere la mano sul fuoco su Zaia

ROMA - "È terribile, l'inchiesta riguarda non solo politici ma anche ex uomini della Questura, della Guardia di finanza oltre a cooperative e imprenditori, cioè quasi un 'pacchetto completo'".

Inchiesta Mose, Bottacin:

Il consigliere regionale esponente di Verso Nord:"Gare e concorrenza, unico argine alla gestione opaca dei soldi pubblici”

Inchiesta Mose, Bottacin: "Crollato il sistema consociativo"

TREVISO - «Quanto è stato scoperchiato dalle inchieste sul Consorzio Venezia Nuova avrà conseguenze penali e la magistratura accerterà le responsabilità, e su questo attendiamo le motivazioni degli arresti»,


Altri dossier

20/07/2022

Covid

Aggiornamenti sull'evoluzione pandemia di SARS-CoV-2

13/07/2022

LA TRAGEDIA DELLA MARMOLADA

Tutti gli articoli e i video sul crollo di un seracco dal ghiacciaio che ha causato 11 morti e 7 feriti

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×