29 novembre 2020

Mose: uno scandalo che sconvolge il Veneto

Tra i 35 arrestati anche sindaco Venezia - Chiesta custodia all'ex ministro Galan, oggi deputato.

 

VENEZIA - Bufera giudiziaria a Venezia, arrestati il sindaco Giorgio Orsoni, posto ai domiciliari, l'assessore regionale Renato Chisso e altre 33 persone, tra cui due ex presidenti del magistrato alle Acque della città lagunare. Le ipotesi di reato a vario titolo sono corruzione, concussione, riciclaggio. Nell'inchiesta su presunti fondi neri accumulati dagli allora vertici di una azienda operante nella costruzione del sistema Mose per la difesa di Venezia dalle acque alte anche una richiesta di arresto per Giarcarlo Galan, ex governatore del Veneto ed ex ministro con Berlusconi e ora deputato.
 

La cosiddetta inchiesta sul Mose parte da lontano

La cosiddetta inchiesta sul Mose parte da lontano e ha preso avvio da un filone dell'indagine per presunte mazzette relative ad opere autostradali lungo la A4 riguardanti una società presieduta da Lino Brentan. Patteggiata la pena per quella vicenda, Brentan oggi risulta tra gli arrestati per la nuova indagine della Procura di Venezia.

Da quel filone la Guardia di Finanza, coordinata dalla Procura di Venezia, è giunta ai presunti fondi neri creati da Piergiorgio Baita, all'epoca dei fatti ai vertici della Mantovani, la società leader nella realizzazione del Mose e all'interno del concessionario unico Consorzio 'Venezia Nuova' (Cav). Gli inquirenti sono riusciti poi a risalire agli allora vertici della Cav, con l'arresto (ai domiciliari) del presidente Giovanni Mazzacurati e di altre persone.

Nei giorni scorsi, nel quadro del filone riguardante l'ex presidente della Mantovani l'invio di uno stralcio del fascicolo al tribunale dei ministri relativo all'ex ministro Altero Matteoli.


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Argomenti del Dossier

Mose, il fisco presenta il conto agli indagati

A Chisso contestati 900mila euro. Verifiche per Galan e gli altri

Mose, il fisco presenta il conto agli indagati

VENEZIA - A Renato Chisso (in foto), ex assessore veneto alle infrastrutture ora ai domiciliari per l'inchiesta Mose, sono contestati redditi non dichiarati per 900mila euro complessivi, sanzioni comprese, per il 2007 e il 2009. E' l'effetto degli accertamenti compiuti dalla Guardia di Finanza e...

Il parlamento salva lo stipendio a Galan

Per i deputati è giusto che i contribuenti paghino l'indennità a Galan

Il parlamento salva lo stipendio a Galan

ROMA - La Camera dei deputati ha bocciato ieri l’emendamento del Movimento Cinque Stelle che chiedeva la "sospensione dell’indennità al membro della Camera del deputato arrestato, privato della libertà personale o mantenuto in detenzione".

Mose: verso processo Orsoni, indagati 2 parlamentari PD

PD nella bufera. Moretti: Chi è sfiorato da accuse faccia un passo indietro

Mose: verso processo Orsoni, indagati 2 parlamentari PD

VENEZIA - Nel percorso che porta alla chiusura delle indagini sulla vicenda Mose con l'unico eccellente a processo, l'ex sindaco Giorgio Orsoni, il Pd veneziano è nella bufera

Mose, lo Stato recupera 20 milioni

Inchiesta quasi chiusa. Rimane aperto il "caso Orsoni"

Mose, lo Stato recupera 20 milioni

VENEZIA - A meno di sei mesi dallo 'tsunami' degli arresti, con gli ultimi tre patteggiamenti davanti al Gup Massimo Vicinanza domani di fatto si chiude la vicenda giudiziaria dell'inchiesta Mose, a Venezia, almeno quella relativa ai nomi 'eccellenti'. Dal 4 giugno scorso, quando scattavano, su...

Scandalo Mose: Orsoni torna a fare il docente, studenti insorgono

"Non è in linea con codice etico". L'Ateneo risponde: ha tutti i diritti

Scandalo Mose: Orsoni torna a fare il docente, studenti insorgono

VENEZIA - Gli studenti dell'Università di Venezia non vogliono che l'ex sindaco Giorgio Orsoni, coinvolto nell'inchiesta sul Mose, torni a varcare in qualità di docente la soglia dell'ateneo.

Giancarlo Galan e Luca Zaia

"Cala il sipario sul sistema di potere del centrodestra"

Mose: De Menech, "Zaia non può chiamarsi fuori"

VENEZIA - "Stiamo assistendo al crollo del sistema di potere del centrodestra. Mi pare difficile che Zaia possa chiamarsi fuori, almeno politicamente ha delle responsabilità". Lo sostiene il segretario veneto del Pd, Roger De Menech.

Galan esce dal carcere. Ha perso 22 Kg

L'ex governatore agli arresti domiciliari

Galan esce dal carcere. Ha perso 22 Kg

VENEZIA - Il gip di Venezia Giuliana Galasso ha firmato il provvedimento che concede gli arresti domiciliari all'ex governatore del Veneto Giancarlo Galan finito in carcere, con l'accusa di corruzione, nell'ambito della vicenda Mose. Galan, uscito nel primo pomeriggio di ieri, giovedì, dal carcere...


Altri dossier

14/11/2015

Strage di Parigi

Terrore a Parigi sconvolta venerdì sera (13 novembre 2015) da una serie di attentati.

I più Letti

del giorno
della settimana
del mese
*/ ?>
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×