25 settembre 2021

Treviso

Mortale sul lavoro, Visentin (CGIL): “La ripartenza non può costare vite”

Dura presa di posizione da parte della sigla sindacale sull'episodio di stamattina in provincia di Bergamo

| Angelo Giordano |

| Angelo Giordano |

Mortale sul lavoro, Visentin (CGIL): “La ripartenza non può costare vite”

TREVISO - “Ripresa in sicurezza, il rilancio dell’economia non può farsi un’ecatombe di lavoratori”. Alza i toni Mauro Visentin, segretario generale della CGIL di Treviso, alla drammatica notizia dell’ennesimo incidente sul lavoro in provincia di Bergamo che è costato la vita a un autotrasportatore 59enne dipendente della ditta trevigiana Codognotto di Salgareda.

“È appena trascorsa una manciata di giorni da quando delegati e rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza dei Sindacati hanno votato il Patto della Marca Trevigiana per la Sicurezza e la Salute delle lavoratrici e dei lavoratori, poi presentato a Maria Rosaria Laganà, prefetto di Treviso, e oggi ci ritroviamo nuovamente a guardare l’abisso di una nuova morte. Un altro incidente sul lavoro ha spezzato una vita, un altro decesso per quella che si sta sempre più configurando come una vera e propria strage nei luoghi di lavoro.

Una strage non giustificabile in nome dell’economica e della ripresa – tuona il leader della CGIL trevigiana –, il sistema produttivo deve ripartire certo ma a farne le spese non possono essere i lavoratori con le loro vite. Ripartenza è anche e soprattutto sicurezza e salute, oppure non abbiamo proprio imparato nulla da oltre un anno di pandemia”.

“Dove stanno le Istituzioni e le rappresentanze datoriali… – chiede Visentin – serve un fronte comune e compatto con interventi urgenti in materia di controlli e formazione, servono sanzioni e serve un cambio di passo culturale a partire dalle nostre aziende”.

 

LEGGI ANCHE

Muore schiacciato dagli imballaggi che sta scaricando

 



Angelo Giordano

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×