31 ottobre 2020

Treviso

Monopattini e bici elettriche: sempre più mezzi green sulle strade trevigiane

Per più di 1 trevigiano su 3 il futuro è l’uso “ibrido” con l’auto ma per utilizzarli servono regole stradali

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

monopattino elettrico

TREVISO – Bici tradizionali, bici elettriche, monopattini e overboard. Sono questi gli ultimi protagonisti sulle strade e ciclabili trevigiane.

La mobilità dolce piace sempre di più ai trevigiani. Guardando al prossimo futuro, infatti, un trevigiano su tre (42%) pensa a un uso il più possibile ibrido con l’auto, alternando i due mezzi a seconda delle necessità e occasioni.

Ma che cosa rende questi mezzi così speciali? L’aspetto più apprezzato, secondo la ricerca dell’osservatorio Sara Assicurazioni, la compagnia assicuratrice ufficiale dell’Aci, è la sostenibilità (64%), segno di una crescente consapevolezza che spinge i trevigiani a voler ridurre l’impatto ambientale negli spostamenti. Sostenibilità che viene prima della chance di risparmio (22%), e persino della comodità e praticità di utilizzo (10%).  Sono tanti secondo i trevigiani i vantaggi green: dal taglio dei consumi (62%), insieme al miglioramento del contesto urbano con la riduzione del traffico (38%) e dell’inquinamento acustico (32%). Per un trevigiano su 5 questi mezzi, oltre alla sostenibilità, permettono anche di fare attività fisica.

A fronte di indubbi vantaggi però, le criticità non mancano, a cominciare dal tema della sicurezza. Qui a destare preoccupazione sono soprattutto i comportamenti pericolosi come circolare fuori dai percorsi dedicati, e in particolare sui marciapiedi, o trasportare passeggeri (38%), il mancato uso di elementi come casco e luci (34%) e le distrazioni (26%).

Tra i rischi più temuti dal 62% dei trevigiani, sono i danni arrecati agli altri utenti della strada, come ad esempio alle auto parcheggiate e gli infortuni.  Per questo motivo, più di un trevigiano su due (60%) ritiene che occorrerebbe maggiore educazione stradale per stimolare comportamenti più responsabili.  La nuova mobilità dolce offre sicuramente dei vantaggi ma necessità sicuramente ancora di tutele specifiche. 

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×