10 agosto 2020

Cronaca

Microplastiche nei laghi, un’emergenza silenziosa

Anche nelle acque del lago di Garda, in tre anni è aumentata la concentrazione media di microplastiche per chilometro quadrato

|

|

Microplastiche nei laghi, un’emergenza silenziosa

Le microplastiche minacciano sempre di più anche i laghi italiani: in particolare, in quello di Garda si è passati dalle 9.900 particelle del 2017 alle 131.619 del 2019 per chilometro quadrato, nelle acque del Trasimeno da quasi 8.000 nel 2017 a 25.000 particelle nel 2019 e sul lago di Bracciano da 117.288 particelle registrate nel 2017 a 392.401 nel 2019.

 

Lo ha riscontrato negli anni Goletta dei Laghi di Legambiente insieme a Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile), evidenziando che la forma predominante presente in tutti i laghi nei tre anni è quella dei frammenti, derivanti per lo più dalla disgregazione dei rifiuti, soprattutto polistirolo e polietilene.

 

Nel renderlo noto con un comunicato congiunto Legambiente e Enea annunciano l'avvio del progetto "Life Blue Lakes" per ridurre e prevenire la presenza di questi inquinanti nei laghi italiani e tedeschi - Garda, Bracciano e Trasimeno in Italia, Costanza e Chiemsee in Germania - attraverso una serie di azioni che coinvolgono istituzioni, enti e autorità locali, aziende e cittadini. Finanziato dal Programma Life e co-finanzato da PlasticsEurope, spiega una nota, il progetto ha come capofila e coordinatore Legambiente, mentre Arpa Umbria, Autorità di Bacino dell'Italia Centrale, Enea, Global Nature Fund, Lake Constance Foundation e l'Università Politecnica delle Marche completano il partenariato.

 



vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×