25/01/2022nubi sparse

26/01/2022nuvoloso

27/01/2022nebbia

25 gennaio 2022

Esteri

Meriam, 27 anni, incinta: il Sudan la condanna a morte perché è cristiana

|

|

Meriam, 27 anni, incinta: il Sudan la condanna a morte perché è cristiana

SUDAN - Un tribunale di Khartum ha condannato a morte per impiccagione una donna cristiana di 27 anni, madre di un bambino e incinta di otto mesi, con l'accusa di apostasia. I giudici hanno poi stabilito che la donna, Meriam Yahia Ibrahim, dovrà subire cento frustate per aver commesso adulterio, visto che il suo matrimonio con un uomo cristiano non è riconosciuto valido in base alla sharia. I giudici avevano dato tre giorni alla donna per rinunciare alla sua fede cristiana ma in aula, dopo un lungo colloquio con un religioso musulmano, la donna ha affermato: "Sono cristiana e non ho mai commesso apostasia".

 

Laureata in fisica, Meriam è sposata con Daniel Wani, un sud-sudanese cristiano; lei è sudanese e nel suo Paese è considerata musulmana perché nata da un padre musulmano. In base alla sharia, una donna musulmana non può sposare un uomo di un'altra fede e i figli nati dalla loro unione sono considerati illegittimi e frutto di adulterio. Meriam è stata arrestata a febbraio e rinchiusa in carcere insieme a suo figlio di 20 mesi. Il bambino non può essere affidato al padre, perché il matrimonio non è riconosciuto in Sudan; sarà quindi lo Stato a decidere a chi affidare il bambino, oltre a quello che la donna porta in grembo, la cui nascita è prevista a giugno. Per salvare la giovane è stata lanciata una campagna internazionale e molte ambasciate in Sudan hanno rivolto appelli alle autorità locali. "Questo caso - ha commentato il gruppo di attivisti ‘Sudan Change Now Movement’ - mostra come sia evidente l'interferenza del regime nella vita dei cittadini sudanesi".

 

(Adnkronos)

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×