22 giugno 2021

Treviso

Memorandum su OggiTreviso e sulla libertà di stampa

EDITORIALE - Informazioni utili per i nostri lettori e… non solo

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

Giornata Mondiale per la libertà di Stampa

EDITORIALE - C’è chi pensa che il giornalismo sia una questione di numeri, dal fatturato, ai lettori, senza dimenticarsi di passare dai follower... In realtà è ben altro, basta pensare alle prerogative di un buon giornalista, e giusto per citarne alcune: onestà, intuito, capacità di non farsi intimorire dai poteri forti, scrittura creativa, sapere coltivare relazioni e rapporti con le proprie fonti informative, fiuto per la notizia, fedeltà verso i propri lettori, empatia e comunicatività.

Negli anni questo mestiere che per alcuni “è il più bello del mondo” (lo ammetto ci credo anch’io), non solo è cambiato enormemente ma per certi versi si è anche deteriorato. In Italia i grandi editori storici, in molti casi, hanno lasciato il posto a imprenditori la cui unica vocazione è i profitto, con ciò che ne consegue in termini di qualità dell’informazione.

Un giornale non è solo un’azienda è un servizio a beneficio della collettività nonché un’espressione di libertà e democrazia, sancita e garantita dalla costituzione.

Questa premessa per introdurre alcune questioni: intanto per dire cos’è il nostro quotidiano online OggiTreviso ma anche per ragionare di diritto d’informazione e di libertà di stampa.



OggiTreviso è nato nel marzo 2008, da una costola del periodico “Il Quindicinale” edito da De Bastiani, storico editore di Vittorio Veneto (TV). Inizialmente una scommessa, in tempi in cui le testate online erano agli esordi e non godevano dell’autorevolezza odierna conquistata, nel tempo, articolo dopo articolo.

Oggi possiamo dire che il nostro giornale questa scommessa l’ha vinta dato che siamo arrivati ad avere oltre 5 milioni e 600.000 accessi al mese: per l’esattezza OggiTreviso registra dai 2 milioni a quasi 6 milioni al mese di contatti, il dato varia in base ai periodi (una caratteristica tipica del web). I dati sono ufficiali e pubblici. Ma ciò che più conta oltre ai numeri è che nel tempo si è consolidato un team di professionisti e un metodo di lavoro che garantisce ai tanti lettori, notizie locali e non solo, in tempo reale.

Mi è capitato spesso di sentirmi contestare che la tal notizia letta nell’informazione cartacea non compariva nella nostra pagina, e ogni volta ho dovuto spiegare che l’articolo in questione era già stato pubblicato ma 12 ore prima, non avendo l’incombenza dei tempi di stampa del giornale. Già, arriviamo prima sulle notizie che va ribadito vengono pubblicate solo dopo una rigorosa verifica: nel web le informazioni corrono veloci e arrivano lontano e non si possono pubblicare news non adeguatamente verificate! Questa è la nostra filosofia che sottolineiamo perché purtroppo nel panorama online ci sono ancora tanti, troppi, prodotti editoriali improvvisati.

OggiTreviso fa anche un’attenta scrematura delle notizie pubblicando ciò che ha maggior peso, poiché a differenza dell’informazione cartacea abbiamo una sola pagina, la home, dove le notizie scorrono man mano. Certo ci sono anche le sezioni locali e quelle dedicate a Nordest, Italie ed Esteri (per le quali ci affidammo ad agenzie quali Ansa e AdnKronos) oltre a varie sezioni tematiche ma è la home che il lettore vede per prima. Eventi e manifestazioni, salvo circostanze particolari trovano posto nell’agenda di OggiTreviso, un servizio gratuito e molto utilizzato dai nostri lettori che viene costantemente consultato.

In nostro quotidiano online nel tempo ha non solo consolidato la sua presenza nei social (la nostra pagina Facebook conta 154.600 follower) ma ha offerto sempre nuovi servizi come la newsletter che viene inviata ogni mattina a migliaia di lettori. Disponiamo inoltre di un servizio di segnalazione delle notizie, che spesso ci consente di offrirvi delle news in esclusiva. Insomma “tanta roba”, non è quindi un caso che spesso ci "rubino" gli articoli. Lo sa bene il nostro legale che deve di volta in volta contrastare il fenomeno del plagio: ci sono stati casi in cui ci hanno copiato gli articoli con tanto di firma dei nostri giornalisti, evidentemente alla spudoratezza e alla disonestà non c’è limite.


 

Ma perché ricordare ai nostri lettori chi siamo? È presto detto. Lo scorso 3 maggio si è celebrata la Giornata Mondiale per la libertà di Stampa e giacché, secondo l’ultima indagine diffusa da Reporter Senza Frontiere, l’Italia è al 41° posto per la libertà di stampa nel mondo, reputo sia opportuno far capire cosa c’è dietro ad una pagina web che i lettori consultano spesso frettolosamente dal loro smartphone.

I giornalisti di OggiTreviso ci mettono passione e professionalità, per darvi quotidianamente informazioni preziose e qualche volta, pur nel rispetto delle norme deontologiche e giuridiche, anche rischiando. Già perché oramai è diventata pratica comune minacciare la stampa di querela. Un articolo non gradito, scomodo o “smaccatamente veritiero” può suscitare malumori che un tempo per decenza ispiravano civili rimostranze ma che negli ultimi anni sono diventati pretesto per adire alle vie legali. Una vera e propria forma intimidatoria che lo stesso sindacato dei giornalisti ha definito “querele bavaglio”.

Un fenomeno che definire sconcertante è poco e che testimonia quanto nel nostro paese l’informazione sia sotto minaccia. Non si è giunti a questo punto in maniera repentina o casuale, nel tempo si è minato il rapporto di fiducia tra lettore e giornale, con insinuazioni gratuite, vessazioni e vere e proprie campagne denigratorie. Certo, viviamo in tempi in cui ben poche cose sono “sacre” ma i diritti costituzionali non dovrebbero mai essere oggetto di dubbio o di speculazione.

Comunque sia, anche grazie alla lungimiranza del nostro editore, giorno dopo giorno continueremo a scrivere con correttezza, senza “tirare il carretto” a questa o quell’altra fazione politica, dando voce a TUTTI e soprattutto mettendo al primo posto sempre ed esclusivamente l’interesse dei nostri lettori: quello di essere informati e di conoscere la verità dei fatti, senza addomesticamenti funzionali a qualcuno.

Buona lettura a tutti.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa
Direttrice responsabile

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

25/01/2021

Marca gioiosa et… indigente

EDITORIALE - La pandemia ha messo economicamente in ginocchio tante famiglie anche in provincia di Treviso

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×