05 dicembre 2020

Atletica

Altri Sport

Meeting di Vittorio Veneto, nel lungo Iapichino a 7 centimetri dal record personale

“Sensazioni moto positive”. Applausi anche per Fausto Desalu nei 100 (10”37) e Roberto Bertolini nel giavellotto (79.41). Domani, dalle 9, la seconda giornata di gare

| Gianandrea Rorato |

| Gianandrea Rorato |

Larissa Iapichino (Ardelean / Fidal Veneto)

VITTORIO VENETO - L’atletica riparte, con la voglia dei giorni migliori. In Veneto non si gareggiava da 139 giorni, quasi 5 mesi.

Lo stop è terminato oggi, a Vittorio Veneto, nel Trevigiano, dove il 1° meeting nazionale ATL-Etica, dedicato al ricordo del professor Ivo Merlo, ha coinvolto oltre 600 atleti, in rappresentanza di 107 società.

I protocolli anti-Covid (in parte alleggeriti dalle più recenti disposizioni federali), non hanno intaccato il clima sereno che ha accompagnato il ritorno alle gare.

Ne ha approfittato anche l’attesa Larissa Iapichino (Atl. Firenze Marathon, foto d'apertura), atterrata a 6.57 (-0.3) nel lungo, non lontana dal 6.64 del record personale (e dal record italiano juniores, da lei stessa detenuto), datato 2019. Un centimetro in più (6.58), sempre l’anno scorso, a Boras, le aveva regalato il titolo europeo under 20. Larissa ha iniziato con un nullo millimetrico.

Poi il 6.57. Quindi un altro nullo. Infine, una bella chiusura: 6.37 (vento nullo) al quarto salto, 6.40 (-0.9) al quinto e 6.54 (-0.1) al sesto. Era la prima gara in cui provava la nuova tecnica, con 17 passi anziché 16 di rincorsa e, in volo, due passi e mezzo al posto del “veleggiato”.

“Sono molto soddisfatta per questo esordio, visto che arriviamo dallo stop per il lockdown e che si tratta della prima gara dove ho testato il cambio tecnico nel gesto atletico – ha commentato la non ancora 18enne figlia di Fiona May e Gianni Iapichino -.

Il risultato, ma in realtà anche i nulli ‘buoni’, mi dà davvero tanta fiducia.

Ora guardo al futuro, anche prossimo, visto che tornerò in gara il 16 luglio a Savona, dove conto di aggiungere qualche centimetro. Come mi sono trovata con il nuovo salto? Nella ricorsa mi sono sentita veloce e sciolta più di prima. Ho dovuto gestire un po’ il vento che cambiava continuamente direzione, ma chiudo questa gara con sensazioni ottime”.

 

Fausto Desalu (G.A. Fiamme Gialle, foto qui sotto) ha dominato i 100 con un bel 10”37 (+0.7), seconda prestazione della carriera, ad appena quattro centesimi dal personale del 2018.

“Voto da 10 e lode alla pista di Vittorio Veneto - commenta il finanziere che nel 2018, con 20”13, è diventato il secondo italiano di sempre nei 200 dietro Pietro Mennea -. Sono molto soddisfatto, penso sia stata la mia miglior gara a livello tecnico: in partenza possiamo limare ancora qualcosa, ma il lanciato mi è piaciuto. L’obiettivo 2020 è ritoccare il personale sui 100, ma sempre lavorando in prospettiva dei 200. Non sono stati mesi facili, quando hanno spostato le Olimpiadi al 2021 è stato un duro colpo, ma poi, ragionando con il mio allenatore, ho capito che un anno in più può servire. Ora punto ai Tricolori di Padova. Intanto, appuntamento a Savona”.

Applausi anche per Roberto Bertolini (Fiamme Oro, foto qui sopra), arrivato a 79.41 nel giavellotto, davanti a Norbert Bonvecchio (Atl. Trento), fermatosi a 66.30. Il romeno d’adozione padovana Catalin Tecuceanu (Silca Ultralite) ha vinto gli 800 in 1’48”21, due centesimi meglio di Joao Bussotti (Esercito). Natalina Capoferri (Atl. Bs ’50 Metallurgica San Marco) ha superato i 50 metri nel disco (50.26). Tra gli allievi, 19.14 di Segond Musumary (Atl. Cento Torri Pavia) nel peso. Domani, domenica 5 luglio, dalle 9, la seconda giornata di gare.

RISULTATI.

UOMINI. 100 (+0.7): 1. Fausto Desalu (G.A. Fiamme Gialle) 10”37, 2. Fabrizio Ceglie (Assindustria Sport Padova) 10”65, 3. Marco Martini (Atl. Riccardi Milano 1946) 10”78. 300: 1. Francesco Greggio (Assindustria Sport Padova) 34”53. 800: 1. Catalin Tecuceanu (Silca Ultralite) 1’48”21, 2. Joao Bussotti (Esercito) 1’48”23, 3. Stefano Migliorati (C.S. S. Rocchino) 1’48”27. 110 hs (-0.1): 1. Cristopher Cecchet (Assindustria Sport Padova) 14”55, 2. Gabriele Crnigoj (Atl. Malignani Lib. Udine) 14”67. Alto: 1. Manuel Lando (Atl. Vicentina) 2.13. Asta: 1. Dario Dester (Cremona Sportiva Atl. Arvedi) 4.90, 2. Daniele Peron (Ass. Atl. Nevi) 4.90. Lungo: 1. Andrea Pianti (Cus Sassari) 7.41 (-0.4). Peso: 1. Paolo Vailati (N. Atl. Fanfulla Lodigiana) 16.15, 2. Andrea Caiaffa (Gs Fiamme Oro Padova) 15.99. Giavellotto: 1. Roberto Bertolini (Fiamme Oro) 79.41, 2. Norbert Bonvecchio (Atl. Trento) 66.30. Allievi. 800: 1. Giovanni Lazzaro (Us Quinto Mastella) 1’56”20. 110 hs (+1.2): 1. Nicolas Cecchet (Athletic Club Firex Belluno) 15”06. Alto: 1. Enrico Cattaruzza (Equipe Athletic Team) 1.90. Peso: 1. Segond E. Musumary (Atl. Cento Torri Pavia) 19.14.

DONNE. 100 (+0.1): 1. Aurora Berton (Lib. Friul Palmanova) 11”86, 2. Giorgia Bellinazzi (Atl. Brugnera Friulintagli) 11”89. 300: 1. Anna Polinari (Atl. Bs ’50 Metallurgica San Marco) 39”21. 800: 1. Chiara Facchin (Gs La Piave 2000) 2’14”69, 2. Ilaria Bruno (Atl. Brugnera Friulintagli) 2’16”61, 3. Beatrice Casagrande (Atl. Riviera del Brenta) 2’16”72. 100 hs (-0.6): 1. Giada Carmassi (Atl. Brugnera Friulintagli) 13”52, 2. Elena Marini (Team Treviso) 13”83, 3. Alice Muraro (Atl. Vicentina) 14”07. Lungo: 1. Larissa Iapichino (Atl. Firenze Marathon) 6.57 (-0.3), 2. Elisa Naldi (Atl. Virtus CR Lucca) 6.19 (-0.1), 3. Eleonora Filippetto (Team Treviso) 6.12 (+1.2). Peso: 1. Martina Caron (Atl. Vicentina) 13.31. Disco: 1. Natalina Capoferri (Atl. Bs ’50 Metallurgica San Marco) 50.26, 2. Diletta Fortuna (Carabinieri) 46.55. Allieve. 800: 1. Elena Maggiorelli (La Galla Pontedera) 2’18”67. 100 hs (-0.3): 1. Elena Nessenzia (Gs La Piave 2000) 14”35. Peso: 1. Alice Moret (Atl. Ponzano) 12.93.

 

Foto Ardelean / Fidal Veneto
 

 



Gianandrea Rorato

Le società Sportive

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×