15/07/2024sereno

16/07/2024poco nuvoloso

17/07/2024poco nuvoloso

15 luglio 2024

Nord-Est

I Media in Messico: "Il compagno dell'italiana uccisa era membro di una gang"

Avviate le indagini, probabile regolamento di conti

|

|

I Media in Messico:

CITTÀ DEL MESSICO - La procura dello Stato di Oaxaca, nel sud del Messico, ha avviato le indagini sull'uccisione di Pamela Codardini, italiana di Favaro Veneto, e del suo compagno Juan Yair. I corpi delle vittime sono stati trovati dalla polizia locale stesi in una pozza di sangue, all'interno del negozio che i due gestivano nel municipio di Ocatlan de Morelos.

Sul pavimento sono stati ritrovati diversi bossoli e un'arma da 9 millimetri. Secondo la stampa messicana, il compagno di Pamela, soprannominato 'el Yayo', apparteneva alla banda criminale dei Medina. Le autorità di Oaxaca hanno iniziato a interrogare gli abitanti della zona, mentre si attendono i risultati dell'autopsia.

L'EPISODIO

Una vera e propria esecuzione: prima hanno freddato nel retro del loro negozio di pipe e tabacchi, il "Mr Green The Smoke Shop", il compagno 29enneJuan Yair Valdez Ruiz detto "el Yayo" e poi lei, Pamela Codardini, 35 anni anni originaria di Favaro (Venezia) ma da diversi anni residente in Messico, a Ocotlan de Morelos, nella regione delle Valli centrali dello stato di Oaxaca, una località di 21 mila abitanti. Il duplice omicidio è avvenuto nel tardo pomeriggio di sabato 27 gennaio ma è stato reso noto solo nelle ultime ore. Dalle prime informazioni sembra che la vera vittima dell'agguato del commando fosse proprio il compagno, nell'ambito di un regolamento di conti della criminalità organizzata specializzata nel narcotraffico. Solo in un secondo tempo gli assassini si sono accorti che nel retro dell'esercizio commerciale c'era anche la donna, madre di due bambini, e non le hanno lasciato scampo. L'uomo è stato lasciato dai sicari a pancia a terra, lei con la testa sotto una sedia. Attorno alla coppia un numero impressionante di proiettili calibro 223, utilizzati per i fucili da guerra, un particolare che lascia pensare a una sparatoria durante la quale il compagno di Pamela ha cercato strenuamente di difendersi. Il 29enne sarebbe stato un fedelissimo, anzi il braccio destro di Jaime Alberto Valdez, detto "El Piolin", capo del cartello di Los Medina, che si è tolto la vita a ottobre per sfuggire alla cattura da parte delle autorità messicane.

Nel 2012 Pamela aveva perso il marito di Capriva del Friuli (Udine), lo chef Alex Bertoli, trucidato anche lui in Messico, poco lontano dalla pizzeria che aveva aperto da poco a Mazunte. Bertoli fu brutalmente assassinato a colpi di bastone e poi bruciato vivo. Nonostante la tragedia, la donna aveva deciso di restare in Messico. A dar conto dell'accaduto sono stati per primi i media messicani che hanno mostrato le immagini, definite terribili, della tragedia. "Una crudele esecuzione - riportano le emittenti del luogo - con gli assassini che sembrano aver voluto guardare negli occhi Juan mentre lo finivano". I primi a dare l'allarme sono stati i vicini, che hanno sentito gli spari, ma quando la polizia locale è giunta sul posto la coppia era già morta. A informare la famiglia di Pamela è stata la cancelleria dell'ambasciata italiana a Città del Messico.

LEGGI ANCHE

Uccisa italiana da anni in Messico, sospetti sui Narcos


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

immagine della news

04/06/2024

Messico, uccisa la sindaca di Cotija

Yolanda Sanchez lo scorso anno era già stata sequestrata da un gruppo armato. L'omicidio appena 24 ore dopo l'elezione della prima donna presidente Claudia Sheinbaum

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×