24 luglio 2021

Treviso

Matrimoni, battesimi ed eventi: a Treviso il Covid ha spazzato via oltre 28mila cerimonie

In tre mesi sono già 112 le aziende trevigiane del settore che hanno chiuso. Sartor (Confartigianato):"La Regione aiuti anche questi imprenditori"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

matrimonio

TREVISO - Vestiti da sposa ordinati mesi prima e poi disdetti o sospesi fino a nuova data. Così per ristoranti, fotografi, catering, location e allestimenti. Paralizzato, immobile e incerto. Il complesso e variegato settore delle cerimonie e degli eventi è in crisi.

Matrimoni, battesimi, prime comunioni, lauree, eventi e congressi, che proprio in questi mesi dell’anno avrebbero visto il loro momento migliore devono fare i conti con l’emergenza da Coronavirus. E i numeri parlano chiaro. Ben 28.640 le cerimonie saltate nella Marca, 155mila in tutto il Veneto. Una stima dell’ufficio studi di Confartigianato Imprese Veneto basata su quanto si è svolto nella nostra regione lo scorso anno.

Ad oggi sono state rinviate quasi tutte le celebrazioni di aprile, maggio e giugno e, a detta degli operatori, sulla stessa via anche quelle della seconda metà dell’anno. Perché ora a bloccare le cerimonie è proprio l’incertezza di quando il virus scomparirà e permetterà di tornare a festeggiare in tutta tranquillità. A Treviso in un anno si celebrano 2.523 matrimoni, 5.111 battesimi, 6.984 prime comunioni e 6.394 cresime (dati riferiti al 2019) e si svolgono 7.628 eventi e congressi, per un totale di 28.640 appuntamenti che attivano oltre 140 diverse attività, dalla stampa degli inviti all’addobbo floreale, raggruppabili in 7 macro aree: abbigliamento e accessori cerimonia (287 aziende artigiane), Allestimenti, alloggi e location (528), Artistico (100), Bellezza (2.022), Intrattenimento, audio, video e foto (196), Ristorazione e catering (709) e Trasporto persone (148). Questi settori, secondo Confartigianato Marca trevigiana hanno visto, nei primi tre mesi del 2020, la chiusura di ben 112 attività artigiane.

“Eventi e cerimonie - afferma Vendemiano Sartor, Presidente di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana - coinvolgono decine e decine di attività a carattere artigiano: si va dalle sartorie specializzate nell’abbigliamento e accessori da cerimonia, ai tecnici degli allestimenti, alloggi e location, a quelli specializzati nell’intrattenimento audio, video e foto, ai laboratori dell’artistico, ai saloni di bellezza e acconciatura. Per finire con la ristorazione, il catering e il trasporto persone. 23.613 le aziende potenzialmente coinvolte in regione attive a marzo 2020, di cui 4mila trevigiane. E nei primi tre mesi dell’anno ne abbiamo già viste chiudere ben 662, di cui 112 trevigiane. A questo grande settore si stima manchino complessivamente a livello regionale dai 700 milioni di euro ad 1 miliardo. Tanto valgono i preparativi e lo svolgimento degli eventi”.

Per questo l’associazione di categoria chiede alla Regione di dare maggior sostengo a questo settore messo in ginocchio.
“Il recente “Bando per contributi a supporto delle micro e piccole imprese colpite da Covid-19 nei settori commercio, somministrazione e servizi alla persona è un chiaro esempio della volontà di intervenire a sostegno degli imprenditori maggiormente colpiti”- dichiara Sartor - Chiediamo alla Regione che, anche per gli imprenditori del variegato business di cerimonie ed eventi, possa essere approvata analoga misura di sostegno, che metta a disposizione delle risorse da destinare a contributo a fondo perduto”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

16/05/2021

BUONA DOMENICA Se non conti non ti sposo

Matrimonio finito in India prima ancora di cominciare perché lo sposo non sapeva le tabelline. Ma tutto sommato far di conto serve. Per farsi risarcire i danni.

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×