09/08/2022sereno

10/08/2022poco nuvoloso

11/08/2022poco nuvoloso

09 agosto 2022

Nord-Est

Marmolada: "Salvi perchè abbiamo anticipato la salita di 24 ore"

Istruttore del Cai aveva parlato venerdì con il ragazzo del selfie. Una trentina le persone disperse

|

|

Marmolada

VICENZA - Alberico Cocco, 57enne vicentino direttore di escursione del Cai di Malo, si sente un miracolato della Marmolada.

"Io e altri 5 componenti del mio gruppo - racconta all'ANSA - possiamo effettivamente definirci così, dei "miracolati", perchè la zona in cui è avvenuto il distacco del seracco l'abbiamo attraversata nella giornata di sabato, appena 24 ore prima del disastro.

E' accaduto per caso, perchè avevamo trovato un posto per dormire solamente per la notte tra venerdì e sabato, peraltro in un altro rifugio. Sulla Marmolada è già tutto prenotato da mesi sino alla fine della stagione estiva".

Cocco è della sezione Cai di cui fanno parte altri 4 vicentini che risultano dispersi, tra i quali anche Filippo Bari, il ragazzo di 27 anni di cui i social hanno mostrato un selfie che il 27enne si era fatto ieri, lungo la via per la vetta.

"Avevo sentito telefonicamente Filippo Bari nella giornata di venerdì - spiega l'uomo -, solo un contatto veloce al cellulare: a lui avevo detto della nostra gita il sabato, lui mi aveva informato che sarebbero saliti domenica, ma senza precisare in quanti fossero" "Frequento la Marmolada dalla metà degli Anni Settanta, dai periodi in cui facevo la 'naja' - prosegue e posso dire di non averla mai vista in condizioni così disastrose".

Sarebbero una trentina le persone che ieri si trovavano sul ghiacciaio della Marmolada al momento del crollo del seracco sommitale, si apprende da ambienti dei soccorritori. Non è chiaro al momento quante di queste persone siano effettivamente disperse e le verifiche sono in corso

LEGGI ANCHE

FOCUS sulla tragedia della Marmolada

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

immagine della news

27/07/2022

La lunga agonia dei ghiacciai alpini

A metterli a dura prova le relativamente scarse nevicate dell'inverno scorso e poi le due grandi ondate di calore all'inizio dell'estate

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×