25 novembre 2020

Castelfranco

Marcon, confermato sindaco, dedica la vittoria elettorale alla madre

«Noi non abbiamo la bacchetta magica per rendere Castelfranco una città perfetta, ma con il nostro lavoro l’abbiamo resa una città migliore»

| Leonardo Sernagiotto |

immagine dell'autore

| Leonardo Sernagiotto |

Marcon, confermato sindaco, dedica la vittoria elettorale alla madre

CASTELFRANCO - Stefano Marcon è di nuovo sindaco di Castelfranco. Dopo un paio d’ore di tensione e attesa, i dati hanno dato ragione al sindaco uscente. Tuttavia è stata una partita combattuta seggio per seggio, che ha visto il candidato leghista prevalere per poche centinaia di voti sull’avversario, Sebastiano Sartoretto, pur perdendo oltre 1.000 voti rispetto al primo turno (7358 dai 8486 di due settimane fa). Con un’affluenza molto bassa (meno del 50% di elettori si è recato a votare), la squadra del centro-destra ha mietuto più consensi nelle frazioni e nelle località fuori dal centro, che registrano il vantaggio di Marcon, con il picco a Salvatronda (quasi il 70% di preferenze), mentre il capoluogo ha visto prevalere Sartoretto.


Dedicando la vittoria alla propria madre, il neo-sindaco commenta l’esito della votazione, in primis i dati dell’affluenza: «Come abbiamo già detto, i ballottaggi partono da zero e oggi ne abbiamo avuto la riprova. Siamo in linea con i dati di 5 anni fa per quanto riguardo l’affluenza». Poi un richiamo agli avversari: «Spero si possa lavorare per Castelfranco e non contro. Pur con la spaccatura legata soprattutto all’ospedale, mi auguro che prendano atto di quello che hanno deciso i cittadini, i quali hanno potuto approfondire la vicenda del San Giacomo da due punti di vista, preferendo accordare a noi la loro fiducia. Ritengo che il tema dell’ospedale sia stato molto strumentalizzato, sul quale si ripartirà subito a lavorare, spero assieme».

Marcon poi ringrazia il lavoro portato avanti dalla sua squadra, pur non sbilanciandosi sulle future nomine degli assessori: «Siamo stati soli contro tutti, dato che nessuno ha appoggiato la nostra linea programmatica. Noi siamo stati comunque sempre lontani dalle polemiche, propositivi, illustrando il nostro programma per la città per il prossimo quinquennio. La gente ha premiato il nostro esser stati concreti, l’aver colto degli obbiettivi coerenti con le promesse prese 5 anni fa». Il neo-sindaco ricorda inoltre l’appoggio di Luca Zaia in campagna elettorale: «Mercoledì Zaia mi ha salutato con l’entusiasmo che serve in questi momenti e contento per il buon esito della manifestazione a cui ha presenziato, testimonianza della vicinanza della gente alla nostra squadra».

Guardando al futuro, Stefano Marcon dichiara: «Apro la porta a tutti coloro che guardano a Castelfranco come a una città da amare, una città a cui voler bene, senza nasconderci dalle criticità che comunque ci sono. Noi non abbiamo la bacchetta magica per rendere Castelfranco una città perfetta, ma con il nostro lavoro l’abbiamo resa una città migliore. Incontrerò gli eletti per decidere assieme quali priorità darci, anche se al primo posto personalmente colloco gli impianti sportivi».

 


| modificato il:

foto dell'autore

Leonardo Sernagiotto

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×